Uncategorized

Cosa Fare In Caso Di Erezione Debole? Cause E Possibili Trattamenti

Il sistema endocrino regola l’erezione peniena in vari modi e gli androgeni sono gli ormoni maggiormente implicati. L’esposizione agli androgeni nel periodo fetale e perinatale è prerogativa solo del sesso maschile (nella femmine la secrezione di steroidi sessuali in tale periodo è assente) e consente l’androgenizzazione cerebrale. Tale meccanismo è in gran parte mediato dall’aromatizzazione del testosterone a estradiolo, almeno nei roditori . Nell’uomo le evidenze circa il ruolo prenatale degli androgeni sul sistema nervoso centrale sono meno forti , tuttavia è ben dimostrato che gli androgeni sono necessari per la mascolinizzazione dei genitali esterni e per garantire la maturazione sessuale nell’uomo .

Come risolvere erezione debole?

Sebbene possa presentarsi a qualsiasi età, la disfunzione erettile è più frequente negli uomini di età superiore ai 45-50 anni.

Un’altra frequente conseguenza dell’assenza di una corretta educazione sessuale è quella che i sessuologi chiamano disfunzione erettile psicologica, vedi l’ansia da prestazione, che causa una mancata erezione con una partner, nonostante l’anatomia e la fisiologia dell’erezione sia perfettamente normale. Le erezioni notturne, infine, sono attivate dal centro erettogeno posto nel sistema nervoso centrale e avvengono prevalentemente durante la fase REM del sonno. In queste fasi la produzione onirica si associa alla ripetizione del fenomeno erettivo mediamente tre-quattro volte per notte nel giovane, due nell’anziano. La registrazione delle erezioni notturne rappresenta un valido indicatore della qualità “biologica” dell’erezione, alleggerita dall’azione di disturbo dell’ansia da prestazione e di altri fattori relazionali, che frequentemente ne peggiorano la qualità nelle performance coscienti.

Erezione Persistente

Per cui può essere generata da stimoli tattili ai genitali e alle zone erogene (capezzoli, lobi delle orecchie, collo, etc.), da stimoli audiovisivi, olfattivi e/o dalle fantasie erotiche. E poi ci sono le erezioni notturne che invece si attivano nel sistema nervoso centrale e avvengono prevalentemente durante la fase REM del sonno. Uno studio dell’Università di Washington ha scoperto che gli uomini sobri possono raggiungere un’erezione completa più velocemente di quelli che consumano alcol. Gli alcolisti hanno fino al 70% di possibilità di avere problemi sessuali, come la disfunzione erettile, l’eiaculazione precoce e la perdita della libido.

Durante un’erezione, i vasi sanguigni che fanno entrare il sangue nel pene si rilassano e si allargano, cioè si dilatano. Una esplorazione digito-rettale, (EDR – esplorazione rettale digitale) può rivelare una prostata ingranditache può interferire col flusso di sangue e degli impulsi nervosi al pene. L’ecodoppler penieno è usato per valutare il flusso sanguigno e ricercare un eventuale deficit del mantenimento, così come si presenta nella disfunzione veno occlusiva, segni di arteriosclerosi, fibrosi e calcificazioni del tessuto erettile. L’esame assai intuitivo perché unisce anche una immagine colorata che identifica con il rosso le arterie e con il blu le vene, attualmente rappresenta un esame da cui non si può prescindere nell’iter diagnostico della disfunzione erettiva. La coppia di nervi somatici “pudendi”, infine, contiene la maggior parte dell’innervazione diretta al pene e al perineo. Ricevono fibre da S2 a S4 e innervano i muscoli striati del pavimento pelvico (muscolo elevatore dell’ano) e della base del pene .

  • La protesi viene attivata manualmente agendo sulla pompa di controllo scrotale e riproduce al meglio sia la flaccidità che l’erezione.
  • Quindi, in presenza di una disfunzione erettile bisogna sempre indagare per escludere la presenza di patologie sistemiche in atto.
  • Gli inibitori della 5-fosfodiesterasi possono contribuire a trattare questa patologia.
  • Oltre alle erezioni psicogenicamente indotte, la stimolazione fisica e diretta del pene e dell’area perineale è in grado di indurre un’erezione reflessogena, mediante l’attivazione delle vie nervose che fanno capo al riflesso spinale .

La disfunzione erettile riguarda la sfera sessuale ed è l’impossibilità e/o l’incapacità per un soggetto di sesso maschile di ultimare un rapporto. È possibile che non riesca a raggiungere l’erezione o non conserva la necessaria rigidità del membro che consente la penetrazione vaginale. I farmaci con assunzione orale per la disfunzione erettile sono degli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5) , agiscono favorendo la vasodilatazione del pene aumentando la disponibilità di ossido nitrico. Sono farmaci che consentono di aumentare la risposta dei corpi cavernosi ad uno stimolo erogeno naturalmente indotto. La disfunzione erettile è l’incapacità di ottenere e mantenere un’erezione valida per avere un rapporto sessuale soddisfacente. L’OMS ha più volte ribadito il concetto che la salute sessuale è parte integrante della salute dell’individuo, condizionandone significativamente la qualità di vita.

Le lesioni del midollo spinale rappresentano una causa non frequente di deficit erettile. Il recupero della potenza sessuale post-traumatica dipende dal livello e dall’entità della lesione. Anche i nervi periferici che mediano l’erezione possono essere danneggiati in numerose situazioni patologiche, soprattutto in caso di diabete. Tra le patologie neurologiche a carico del sistema nervoso centrale che possono essere correlate alla disfunzione erettile occupano un ruolo di primo piano la sclerosi multipla, la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

< h3 id="toc-1">Problemi Dell’erezione

Il test viene giudicato positivo se si raggiunge una erezione completa per almeno 30 minuti. Nel caso di una erezione prolungata è consigliato lo svuotamento dei corpi cavernosi. Nei rari casi in cui l’erezione permanga dopo questo trattamento si procede a una irrigazione dei corpi cavernosi con un simpatico-mimetico ed eparina.

Il priapismo non ischemico è invece dovuto a un flusso eccessivo di sangue nel pene, che rimane eretto ma non rigido. E’ il risultato finale del rilassamento della muscolatura liscia dei corpi cavernosi, in risposta a un riflesso spinale che può essere attivato dalla stimolazione delle terminazioni sensitive del pene, ma anche da stimoli tattili, visivi, olfattivi, uditivi e gustativi, nonché dall’immaginazione. Il riflesso coinvolge vie efferenti autonomiche e somatiche, ed è modulato da influssi sovraspinali, per l’attivazione di centri e vie del sistema nervoso centrale. I farmaci orali per la disfunzione erettile appartengono alla categoria degliinibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5), che agiscono aumentando la disponibilità di ossido nitrico e, quindi, favorendo la vasodilatazione del pene. Questi farmaci non determinano una erezione diretta e passiva, ma una amplificazione della risposta dei corpi cavernosi ad uno stimolo erogeno naturale. Questa terapia orale fornisce, quindi, nel rapporto una “spontaneità” vantaggiosa che agisce anche psicologicamente.

< h3 id="toc-2">Cause Psicologiche

Per esempio, un problema fisico che peggiora l’erezione potrebbe causare l’ansia che, a sua volta, potrebbe aggravare la disfunzione erettile. La componente sensitiva del riflesso che determina l’erezione può anche essere studiata dalla misurazione della velocità di conduzione del nervo dorsale del pene. I potenziali evocati genito-corticali sono ottenuti stimolando la cute peniena e la registrazione viene eseguita attraverso elettrodi posti a livello dello scalpo come durante l’esecuzione di un elettroencefalogramma. Un’altro esame è la monitorizzazione delle erezioni notturne utile a selezionare in prima battuta le problematiche dell’erezione “organiche” da quelle ” psicologiche”. Il test consiste nella misurazione per tre notti consecutive delle erezioni durante il sonno tramite dei rilevatori ad anello posti alla base e alla punta del pene. Quando il pene va in erezione, il rilevatore ne misura la tumescenza e la rigidità.

erezione

L’erezione è la conseguenza di modificazioni emodinamiche peniene, indotte dall’integrazione periferica di uno o più stimoli neurologici. Le erezioni sono controllate dai centri spinali, che possono essere attivati sia dal controllo centrale sia dalla periferia . Oltre agli stimoli centrali, anche gli stimoli sensitivi riflessi di tipo periferico, quali quelli tattili provenienti dall’area genitale, contribuiscono a promuovere l’erezione. Le due vie nervose sono indipendenti l’una dall’altra e possono agire sinergicamente nel promuovere e mantenere l’erezione peniena .

Quali Sono Le Cause Della Disfunzione Erettile

Le iniezioni intracavernose di farmaci vasoattivi sono state un capitolo importante nel trattamento dei deficit erettivi. Il primo farmaco utilizzato fu la papaverina, un vasodilatatore non specifico che agisce sulla muscolatura liscia. Oggi i farmaci più usati per le iniezioni intracavernose sono la papaverina, la fentolamina e la più recente la prostaglandina E1.

erezione

I farmaci potrebbero non determinare immediatamente un miglioramento della disfunzione erettile e potrebbe essere necessario del tempo per trovare il tipo di medicinale e il dosaggio efficaci. Tutti e quattro i farmaci potenziano gli effetti dell’ossido nitrico, una sostanza chimica naturale prodotta dall’organismo che rilascia i vasi del pene . In questo modo aumenta il flusso sanguigno che provoca l’erezione in risposta alla stimolazione sessuale. Il primo intervento del medico consiste nell’assicurarsi che la terapia prescritta sia appropriata per curare quei problemi di salute che possono causare o, peggiorare, la disfunzione erettile .

Disfunzione Erettile: Cause, Sintomi E Cura

Durante un sonno fisiologico si verificano delle erezioni spontanee contemporaneamente alle fasi REM, indipendenti da qualsiasi influenza psicologica. Il sistema Rigiscan Plus è costituito da un’apparecchio che registra le variazioni di tumescenza e la rigidità del pene tramite due anelli posti, uno alla base dell’esta e uno al di sotto del solco coronale che, modificando la loro circonferenza, forniscono dati sulle dimensioni dell’organo. La registrazione viene effettuata a domicilio in modo da creare al paziente le condizioni di massimo confort. Se la causa è fisiologica, uno specialista vi consiglierà un trattamento con dei farmaci specifici. Non è possibile andare più nel dettaglio perché dipende quali sono state le cause scatenanti, e in base a quello, viene consigliata una terapia specifica.

Un semplice test per valutare la capacità di erezione, da fare a casa, da soli e in pochi minuti. È utile per avere un’indicazione del livello di gravità del deficit erettivo e per trovare la motivazione a risolvere definitivamente questo problema. FATTORI ORGANICI derivanti da patologie presenti nell’individuo come Congestione Pelvica – Malattie vascolari – ipertensione arteriosa – diabete – squilibri endocrini – cause neurologiche – malattia di Peyronie – insufficienza venosa o fuga venosa.