Uncategorized

Disturbi Eiaculatori, Eiaculazione Precoce

Ma periodi lunghi di astinenza non fanno altro che aggravare il problema ed il circolo vizioso si avvita su se stesso. Sia nel caso dell’eiaculazione precoce generalizzata, che accade durante tutti i rapporti con qualsiasi partner, che nel caso dell’eiaculazione precoce situazionale o occasionale, è sempre consigliabile rivolgersi ad uno specialista urologo. Ma questo criterio di valutazione della precocità eiaculatoria rimane comunque discutibileperché andrebbero valutate anche le capacità orgasmiche della donna e l’eventuale presenza di una disfunzione femminile dell’orgasmo.

eiaculazione

La molecola si chiamaDAPOXETINAe la sua messa a punto deriva dall’esperienza accumulata nella cura dell’ eiaculazione precoce con i farmaci SSRIs già menzionati. E’ anch’essa un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ad azione molto rapida. Una singola somministrazione produce un forte effetto inibitorio sul riflesso eiaculatorio realizzando un sensibile aumento della di latenza eiaculatoria intravaginale. Gli studi iniziali, che hanno coinvolto circa 7500 Pazienti nel mondo, indicano un tempo di rapporto incrementato fino a sette volte .

Cos’è L’eiaculazione Precoce?

L’impatto negativo dell’EP può avere un effetto determinante sulla fiducia in se stessi e può causare angoscia mentale, ansia, imbarazzo, frustrazione e depressione. Molti aspetti della vita degli uomini e delle loro partner sono influenzati dall’EP. Il processo di eiaculazione è regolato a livello centrale e coinvolge una serie di neurotrasmettitori, inclusi serotonina (5-HT), dopamina, ossitocina e altri.

eiaculazione

La compromissione spesso si manifesta nella relazione di coppia generando conflitti, equivoci e malumori che rinforzano e aggravano la sintomatologia stessa. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

Il problema principale del trattamento farmacologico è che l’efficacia è limitata alle ore successive all’assunzione della compressa, e quindi da sola questa terapia non è in grado di risolvere in maniera definitiva il problema. Questa definizione però, come già abbiamo detto, non può contemplare tutte le sfumature cliniche dell’eiaculazione precoce, le quali richiedono un approccio terapeutico su misura delle esigenze del paziente. Da alcuni mesi è disponibile FORTACIN un preparato spray che può essere facilmente spruzzato sul glande prima del rapporto inducendo uno stato di ANESTESIA che facilita il controllo della eiaculazione. Gli inconvenienti di un farmaco che rimane sul glande nei confronti della donna non vanno esclusi. Comunque molti pazienti con rapporti sessuali abbastanza organizzabili ne traggono un certo beneficio. É stato calcolato lo IELT ovvero il tempo che intercorre tra la penetrazione e l’eiaculazione che nella grande maggioranza dei casi è contenuto in 2 minuti.

< h3 id="toc-1">Quando Dovrei Vedere Un Medico Per La Mia Eiaculazione Precoce?

L’aspermia è un problema relativamente sconosciuto, che si traduce nell’assenza di emissione di sperma durante l’eiaculazione. Tuttavia, l’uomo sente ancora l’orgasmo, che provoca anche fenomeni a cascata nel corpo, così come la cosiddetta fase di espulsione. Nel nostro studio realizziamo un SEX-TRAINING per il trattamento rapido ed efficace della EP che permette in poche sedute mirate e specifiche di far acquisire tecniche di comportamento sessuale attraverso una integrazione piena fra mente e corpo. Tali traguardi vengono raggiunti in poche sedute ( 4-5 ) in modo da far apprendere subito un atteggiamento positivo ed efficace che porti nell’atto sessuale ad avvalersi di tutta l’energia esprimibile dalla unità funzionale mente e corpo. Per una ottimizzazione dei tempi e dei risultati possono essere applicate anche tecniche di Biofeedback e ipnotiche.

Quanto tempo ci vuole per rimanere incinta dopo il rapporto?

Se l’ovocita viene fecondato, inizia a divedersi e si impianta nell’endometrio (allo stadio di blastula) 3 o 4 giorni dopo aver raggiunto la cavità uterina, cioè 6-7 giorni dal rapporto sessuale.

Alcuni uomini addirittura eiaculano durante la fase dei preliminari, prima della penetrazione o al primo contatto con la vagina . Nel 1948 uno studio di Alfred Kinsey scopriva che 3 uomini su 4 eiaculavano entro 2 minuti dalla penetrazione ed era considerato non solo accettabile, ma addirittura la prova della potenza maschile. Il sociologo Ross Morrow dell’Università di Sydney sostiene addirittura che sia un problema culturale.

Gli esperti ritengono che, nella maggioranza dei casi di eiaculazione precoce primaria, le cause siano di origine prettamente fisico-biologica. Infine, la terapia farmacologica rappresenta la forma di terapia più impiegata, ma tutt’ora anche la più discussa. Ad oggi sono pochissimi i farmaci approvati per la terapia dell’eiaculazione precoce primaria o secondaria.

< h3 id="toc-2">L’alcol Influisce Sull’eiaculazione Precoce?

Per esempio, gli uomini che hanno un’eiaculazione retrograda possono chiedere che vengano rimosse le cellule spermatiche dalle loro urine. L’aspermia, come abbiamo detto, si riferisce alla mancanza di espulsione dello sperma. Si tratta essenzialmente di un disturbo eiaculatorio ed è ampiamente classificato come anaeiaculazione, dove lo sperma non passa dalle vescicole seminali, dalla prostata e dai dotti eiaculatori nell’uretra; o eiaculazione retrograda, dove lo sperma passa nella vescica invece di muoversi in direzione anterograda.

Quante probabilità ci sono di rimanere incinta al primo tentativo?

In ogni caso, al primo tentativo mirato, statisticamente parlando, solo il 25% delle coppie riesce ad ottenere una gravidanza, e comunque, prima di preoccuparsi, è utile ricordare che entro un anno dall’inizio della ricerca, la maggior parte delle donne riesce a rimanere incinta.

Molto spesso questi esercizi per il pavimento pelvico vengono chiamati “esercizi di Kegel” o “ginnastica pelvica”. La caratteristica comune è comunque l’incapacità di “rinviare ” volontariamente l’eiaculazione che si presenta come improvvisa ed automatica ed il senso di frustazione ed ansia che si accompagna all’attività sessuale, spesso con pesanti ripercussioni sulla vita di coppia. Talvolta il quadro si complica anche con progressiva difficoltà di erezione e riduzione del desiderio sessuale, sintomi spesso mediati dall’ angoscia crescente per l’insoddifacente attività sessuale. Sul piano psichico, non è infrequente una sintomatologia secondaria di tipo ansioso-depressivo. I sessuologi hanno stimato in una pubblicazione scientifica la durata di un rapporto sessuale.

Alcuni maschi riescono a ritardare l’eiaculazione nell’ambito di una relazione stabile, ma manifestano nuovamente i sintomi dell’eiaculazione precoce quando hanno un nuovo partner. Questa disfunzione può portare a bassa autostima, bassa autoefficacia, senso di inadeguatezza, frustrazione, mancanza di assertività e diminuzione del desiderio, piacere/soddisfazione sessuale con ripercussioni nelle relazioni di coppia. Generalmente l’eiaculazione precoce avviene tra i 60 secondi e i 2 minuti ma può variare da soggetto a soggetto.

eiaculazione

Tali condizioni, però, sono generalmente evidenti, poiché comportano altri sintomi oltre alle eiaculazioni precoci. In ogni caso si può dire che è certamente eiaculatore precoce colui che ha l’eiaculazione dopo una manciata di spinte coitali (5-10) o addirittura prima ancora di introdurre il pene in vagina. Anche questo criterio, comunque, è estremamente discutibile, in quanto occorre valutare le capacità orgasmiche della donna. Per parlare dieiaculazione precoce, l’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali ed essa non deve essere dovuta esclusivamente agli effetti diretti di una sostanza.

Lo Stress Influenza L’eiaculazione Precoce?

Ciò accade soprattutto ad uomini affetti da malattie come la sclerosi multipla ed il diabete o che hanno subito interventi chirurgici alla prostata , oppure per assunzione di particolari farmaci come, ad esempio, gli alfabloccanti . Molte condizioni organiche possono essere causa di ritardo eiaculatorio, in particolare la sclerosi multipla, il diabete, il morbo di Parkinson, alcuni farmaci , droghe, un calo della libido e l’ipertrofia prostatica benigna. L’emissione dello sperma dal meato dell’uretra, l’orifizio posto all’estremità del pene, è un processo riflesso che si produce quando l’eccitazione sessuale supera una certa soglia, e avviene in due fasi, coerenti e coordinate. Le informazioni che trovi in questo sito web sono puramente di carattere informativo e non si sostituiscono al parere medico.

  • Per prima cosa bisogna individuare il muscolo pubococcigeo, ciò è di fondamentale importanza affinché non si alleni il muscolo sbagliato, e non si incorra in delle infiammazioni del pavimento pelvico.
  • La psicologia comportamentista ritiene che l’origine del disturbo sia da attribuire a prime esperienze sessuali vissute in maniera traumatica dall’individuo.
  • Gli uomini con eiaculazione ritardata possono essere in grado di eiaculare solo in alcune circostanze , o possono solo essere in grado di eiaculare con grande sforzo e dopo un lungo rapporto.
  • Un rallentamento dei movimenti, una disattenzione, un tentativo di freno può consentire il blocco dell’eiaculazione.
  • Questo disturbo può essere trattato con una serie di processi basati sulla causa scatenante, che come abbiamo visto può variare da soggetto a soggetto, anche in base alla storia clinica.

Praticare tecniche di rilassamento o utilizzare metodi di distrazione può aiutare a ritardare l’eiaculazione. Per alcuni uomini, abbandonare o ridurre l’uso di alcol, tabacco e droghe può migliorare il controllo dell’eiaculazione. L’informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista. Non esiste un criterio preciso, né sintomi precisi, per definire quand’è che si possa parlare di vera e propria eiaculazione precoce, perché non esiste un tempo stabilito a priori che un uomo dovrebbe “durare”.