Uncategorized

Eiaculazione Precoce

Non è adatta quindi alle coppie precarie o quando la donna prova un forte risentimento nei confronti del partner. Fra le varie tecniche coniate da Master e Johnson, quella di maggior successo è stata la tecnica dello squeeze, conosciuta anche come tecnica della compressione. Gli esercizi di Kegel, mediante una serie di azioni, consentono di sviluppare un maggior controllo del muscolo pubococcigeo e più in generale del pavimento pelvico. Per effettuare gli esercizi di Kegel è necessario innanzitutto ottenere totale rilassamento fisico mediante la concentrazione mentale. Una volta raggiunto il rilassamento fisico, gli esercizi Kegel vanno svolti passo dopo passo e senza fretta. Per prima cosa bisogna individuare il muscolo pubococcigeo, ciò è di fondamentale importanza affinché non si alleni il muscolo sbagliato, e non si incorra in delle infiammazioni del pavimento pelvico.

eiaculazione

Attualmente, gli specialisti indicano che le cause sono complesse interazioni tra fattori psicologici e biologici. In alcuni casi, infatti, può essere associata anche a cause mediche, come problemi ormonali, lesioni o effetti collaterali di alcuni farmaci. L’eiaculazione ritardata o la mancata eiaculazione durante il rapporto sessuale può essere definita come l’inibizione del riflesso eiacuolatorio, anche in presenza di una normale erezione e desiderio sessuale. Ansia sociale, ansia da prestazione, depressione, problemi di coppia, insoddisfazione per l’immagine corporea, assuefazione da masturbazione ed esperienze sessuali negative sono tutti fattori che spesso contribuiscono a generare il disturbo.

Eiaculazione Precoce

E’ sulla base di quanto detto che scopo del processo psicoanalitico è quello di scoprire e risolvere i conflitti edipici inconsci sottostanti al disturbo eiaculatorio. Frequentemente capita che si instauri un deficit erettile secondario proprio a causa dell’ansia da prestazione. L’ansia, proprio come nel deficit erettile, ha un ruolo determinante nella genesi di questo disturbo, in quanto, secondo quanto emerso da diversi studi, proprio nel momento in cui l’uomo raggiunge alti livelli di eccitamento inizia a provare forti sentimenti d’ansia che determinerebbero un orgasmo involontario. Ci sono diverse tecniche o metodi comportamentali che possono essere molto utili per trattare questa patologia.

La tecnica dello squeeze mostra i suoi migliori risultati in presenza di relazioni stabili, giovandosi della complicità e della collaborazione reciproca fra i partner. Due sessuologi statunitensi hanno ideato delle tecniche che consentono di avere un saldo controllo dell’eiaculazione. Questi hanno messo a punto alcuni metodi specifici per il trattamento dei disturbi sessuali e varie tecniche dolci e naturali praticate dai Maestri del Tantra. La funzione del muscolo pubococcigeo è quella di controllo della minzione ma molti sostengono che sia anche coinvolto nel processo di eiaculazione e che, un suo costante allenamento, porti ad un maggiore controllo del riflesso eiaculatorio e ad un miglioramento dell’orgasmo. Gli esercizi prevedono una serie di procedure volte ad allenare il pavimento pelvico, compreso il muscolo pubococcigeo.

eiaculazione

Nel 2010 ha creato il metodo “Comanda la Tua Eiaculazione”, il primo metodo che aiuta l’uomo a dominare e controllare la propria eiaculazione precoce senza l’utilizzo di farmaci, ma solo con l’ausilio di tecniche mentali e fisiche. Al centro del problema dell’eiaculazione precoce vi è, quindi, la mancata capacità di controllo di questo atto da parte dell’uomo. Ho incontrato, in questi anni, vari pazienti che, passati per mani senza troppi scrupoli, erano stati sottoposti a svariati, e maldestri, tentativi anche chirurgici di risoluzione del problema eiaculatorio. Tentativi che, inseguendo una ipotesi inverosimile, ma purtroppo credibile per chi è angosciato dal problema, di soluzione chirurgica provocano danni a volte anche irreparabili senza ottenere, ovviamente, l’ efficacia dichiarata. Un caso del genere è la resezione del nervo vago che sopprime sensibilità al pene senza alcun ritorno risolutivo sulla eiaculazione precoce, ma con conseguenze drammatiche sulla percezione delle sensazioni e quindi sul piacere. Per eiaculazione precoce si intende la difficoltà di controllare il riflesso eiaculatorio al fine di poter allungare i tempi di durata della penetrazione.

< h3 id="toc-1">Eiaculazione Ritardata Ed Aneiaculazione

L’eiaculazione precoce consiste nel presentarsi, persistente o occasionale, di eiaculazione in seguito a stimolazione sessuale anche minima, prima (“ante portam”), durante o poco dopo la penetrazione e comunque prima di quando il soggetto desidererebbe. Se sospettare di soffrire di aspermia, bisogna sottoporsi a un esame generale del sangue, un esame delle urine, un esame del sangue per le malattie che possono verificarsi dopo un rapporto sessuale, un’analisi della secrezione della prostata, nonché un esame del sangue per stabilire i livelli ormonali. Anche altre condizioni che danneggiano i nervi del pene, così come alcuni disturbi mentali e alcuni farmaci utilizzati per trattare i disturbi mentali, possono incidere sulla capacità di eiaculare. Tuttavia, l’eiaculazione precoce resta una condizione sotto-diagnosticata e sotto- trattata , perché molti uomini non cercano una cura medica o l’assistenza di un medico, soprattutto per inibizioni di carattere psicologico. Infatti può verificarsi anche in seguito ad un processo infiammatorio batterico o non batterico della ghiandola prostatica, ovvero in presenza di una prostatite. Infatti la prostatite può manifestarsi in tutte le fasce di età, ma soprattutto tra i 18 ed i 50 anni, e si può presentare del tutto asintomatica e rivelarsi solamente attraverso l’eiaculazione precoce.

eiaculazione

In passato si sosteneva l’importanza di fattori psichici e comportamentali tanto che vennero proposte tecniche sessuologiche tipo “start and stop”, “squeeze” che avrebbero dovuto “far re-imparare” al paziente la funzione eiaculatoria. Alcuni sostengono la compartecipazione di fattori psichici che altri, invece, ritengono sostanzialmente ininfluenti. In alcuni casi può esistere una spiccata ipersensibilità mucosa del glande che potrebbe scatenare l’eiaculazione. Si è pensato all’azione stimolante determinata da una fimosi o da un frenulo breve anche se non è stata dimostrata l’efficacia dalla loro correzione.

< h3 id="toc-2">Disturbi Eiaculatori, Eiaculazione Precoce

Il ruolo della donna nella tecnica dello squeeze è fondamentale poiché, quest’ultima, anziché fermarsi, quando il compagno le comunica l’approssimarsi del momento critico, dovrà afferrare il pene eretto sotto il glande e schiacciarlo con forza, fino a che l’uomo non perderà buona parte della sua erezione. In altre parole l’uomo tende a masturbarsi in maniera “veloce”, abituando il proprio corpo ad una velocizzazione del processo orgasmico, che poi non manca di attuarsi anche nel rapporto sessuale con il partner. In questi casi, gli esercizi per il pubococcigeo possono tornare utili, poiché, fatti in modo corretto, permettono una maggiore consapevolezza ed un maggior controllo della zona pelvica e del muscolo pubococcigeo. Il difetto è rappresentato dalla carenza localizzata di SEROTONINA (5-HT) , un neurotrasmettitore, ossia una messaggero chimico che collega una fibra nervosa alla successiva ed ha probabilmente cause di tipo genetico. L’enfasi sull’eiaculazione come punto focale del rapporto sessuale tende ad aumentare l’ansia da prestazione che può avviare il problema. Una volta che l’EP si è verificata e si è stabilita, la paura e la preoccupazione mentale per il problema possono effettivamente indurre l’eiaculazione rapida indesiderata, creando un circolo vizioso.

Come fare a rimanere incinta velocemente?

Tra le posizioni più accreditate troviamo quella del missionario o quella di lato. La convinzione molto diffusa è che restare stese dopo il rapporto può aiutare gli spermatozoi a compiere il loro cammino verso l’ovulo, così come può essere utile sdraiarsi con le gambe in aria per un po’.

In questa fase, infatti, il rapporto di fiducia tra medico e paziente è estremamente importante. Nella maggior parte dei casi, la causa dell’eiaculazione precoce è psicologica o emotiva, può esser dovuta ad ansia, nervosismo o sensi di colpa. Può anche comparire associata ad altri problemi fisici, o un disturbo anatomico o fisiologico, come può essere un’infezione urogenitale alla prostata. La masturbazione può aiutare a superare l’eiaculazione precoce prendendola lentamente per riprendere il controllo.

L’eiaculazione precoce, in linea generale, può essere definita come la difficoltà o l’incapacità dell’uomo di esercitare il controllo volontario sull’eiaculazione. E’ un questionario che permette di valutare il grado di impatto che il controllo dell’eiaculazione ha sulla qualità del rapporto e della vita. Terapia farmacologica, comportamentale, al bisogno o in cronico, sono da integrare e da far condividere al paziente sulla base degli obiettivi da raggiungere (“Coaching”).

Cosa succede al momento del concepimento?

Ma cosa succede nel corpo della donna quando avviene il concepimento? La cellula uovo fecondata, chiamata embrione nelle prime 8 settimane dopo il concepimento e feto nelle settimane successive, si annida nella parete uterina, dove cresce e si sviluppa per 9 mesi.

La psicologia comportamentista ritiene che l’origine del disturbo sia da attribuire a prime esperienze sessuali vissute in maniera traumatica dall’individuo. Dal punto di vista psicoanalitico tale disfunzione è considerata invece come l’espressione di inconsci desideri sadici, punitivi ed ambivalenti nei confronti delle donne, desideri determinati da una immaturità emozionale del soggetto . Il momento eiaculatorio è proprio dell’atto sessuale e, come ogni aspetto dell’esperienza sessuale, è condizionato da fattori organici, psicologici, relazionali ed ambientali. Un’altra tecnica, simile alla prima, consiste nell’applicare, da parte della partner una pressione sul glande al momento del desiderio dell’eiaculazione con regressione dello stesso.

Un’eiaculazione può essere assente pur in presenza dello stimolo legato all’orgasmo. L’assenza di eiaculazione può avvenire per eiaculazione retrograda, cioè in direzione della vescica invece che all’esterno per malattie neurologiche, neuropatia diabetica, malattie prostatiche, chirurgia prostatica, terapia con farmaci antidepressivi o alfa-litici. Un’eiaculazione può essere scarsa (quantità inferiore a 1 ml) per assenza delle vescicole seminali, agenesia dei deferenti, ostruzione dei dotti eiaculatori, malattie prostatiche o delle vescicole seminali. L’eiaculazione può essere particolarmente abbondante per infezioni o ipertrofia prostatica.

  • Le stimolazioni del pene da parte della donna continuano fino al punto in cui l’uomo prova la sensazione premonitore dell’orgasmo, a questo punto chiede alla partner di interrompere la stimolazione che verrà ripresa prima di perdere l’erezione.
  • Tuttavia, l’uomo sente ancora l’orgasmo, che provoca anche fenomeni a cascata nel corpo, così come la cosiddetta fase di espulsione.
  • L’EP deriva dalla rapida progressione delle prime 2 fasi del ciclo di risposta sessuale, ma non è necessariamente legata ad una eccitazione elevata o alterata.
  • Secondo una definizione oggettiva, è quella che sopravviene all’incirca nello spazio di due minuti, e in meno di una ventina di spinte.

Non sono rari i casi di eiaculazione precoce definita “ante portam” , che interviene ancor prima della penetrazione. L’eiaculazione precoce può essere dolorosa da provare, aumentando lo stress o l’ansia. Ciò può causare problemi all’interno delle relazioni, in particolare se non hai comunicato con il tuo partner quello che sta succedendo. I problemi di eiaculazione possono anche rendere difficile concepire un bambino se lo sperma non raggiunge la vagina o si riduce. Anche i disturbi mentali possono giocare un ruolo importante quando c’è un problema con l’eiaculazione. Non essere in grado di “lasciarsi andare”, problemi nella coppia, un’improvvisa perdita di fiducia in sé stessi sono tutti fattori che possono impedire di eiaculare correttamente.

Le cause sono sconosciute ma si associa spesso ad ansietà e può essere correlata ad ipersensibilità peniena. Di frequente è associata al Deficit Erettile perché la paura di fallire la performance può portare all’eiaculazione precoce. Nel primo caso inizia, come detto, con la prima esperienza sessuale e permane tutta la vita, di solito con l’eiaculazione che avviene prima della penetrazione o al massimo 1-2 minuti dopo di essa. La formulazione di Masters e Johnson è un metodo efficace, ma è fondamentale che la coppia sia affiatata e che esista un’unione profonda tra i due partner; infatti la cura è da svolgersi rigorosamente in due.