Uncategorized

Il Cibo Dell’uomo La Via Della Salute Tra Conoscenza Scientifica E Antiche Saggezze

La FAO ha stimato come il volume globale di cibo sprecato sia di circa 1,3 Gtonnellate, un numero impressionante soprattutto se confrontato con la produzione agricola totale, che è di circa 6 Gtonnellate12. Per produrre tale cibo sono utilizzate risorse economiche ma soprattutto ambientali (acqua, terra, ecc.) che hanno un costo e che si traducono in un danno ambientale di proporzioni elevatissime anche e soprattutto per le alte emissioni di anidride carbonica. Sebbene siano ancora molte le perplessità, da parte sia degli addetti ai lavori sia della gente comune, sull’utilizzo degli insetti come alimento abituale della nostra dieta, essi rappresentano una fonte proteica a basso impatto ambientale e a costi ridotti. Dovrà ora essere compito della comunità scientifica chiarire se esistono i presupposti dal punto di vista nutrizionale, funzionale, organolettico, immunologico e microbiologico, per considerare l’entomofagia come un’ulteriore opzione nell’ambito delle strategie di riduzione dell’impatto ambientale alimentare o una mera trovata mediatica. L’analisi di questi dati suggerisce come sia fondamentale valutare l’impatto ambientale del cibo in associazione con il valore nutrizionale e funzionale, valutando per ogni situazione costi e benefici del rapporto impatto ambientale/valore salutistico al fine di suggerire regimi alimentari in grado di tutelare la salute dell’uomo e quella del pianeta.

Questo approccio potrebbe aiutare ad identificare gli individui più a rischio nella popolazione generale. Queste informazioni si ottengono attraverso l’attività di ricerca che studia i meccanismi che controllano la stabilità del genoma, la tossicità cellulare, i processi tossicocinetici ed i modelli predittivi basati sulla struttura chimica degli inquinanti. «Oggi è una giornata straordinaria – ha affermato l’Assessore Cordaro – perché abbiamo dimostrato come un bene in stato di degrado può diventare un’opportunità di sviluppo sociale, culturale ed economico rispettando i principi di rigenerazione urbana e consumo di suolo zero. Mi piace sottolineare che il Centro, grazie all’Innovation lab, sosterrà le start up siciliane e, inoltre, saranno realizzate opere fruibili dai cittadini tra cui piste ciclabili, campi sportivi e una piscina.

  • In generale, la prevenzione delle malattie di origine ambientale richiede uno sforzo complesso di azione sia sui comportamenti e gli stili di vita, che sulle norme e le misure istituzionali che consentono di garantire la sicurezza della popolazione esposta ai rischi ambientali.
  • Anche il ferro contenuto nella carne e nelle verdure è utile, in queste ultime però è poco biodisponibile, occorre quindi condirle con olio e limone perché se la vitamina C favorisce l’assorbimento del ferro, l’olio d’oliva è ricco di vitamina E, altro potente antiossidante.
  • Il glaucoma si riferisce ad un gruppo di patologie che comportano dei danni a carico del nervo ottico e possono danneggiare la vista.
  • Innanzitutto, non è stata ancora sviluppata una specifica normativa a riguardo, che riconosca gli alimenti funzionali come categoria alimentare definitivamente a sé stante.
  • Inoltre, c’è una generale carenza di informazione; basti pensare che la maggior parte dei consumatori non sa nemmeno definire il termine “alimento funzionale” e spesso confonde erroneamente gli alimenti funzionali con gli integratori, i nutraceutici o addirittura i prodotti erboristici.
  • La nostra filosofia aziendale ed i valori da sempre presenti in FATRO ci hanno indotto a non produrre né vendere farmaci eutanasici.

Questo, infatti, varia da individuo a individuo ed è in grado di trasformare i componenti della dieta con cui entra in contatto. A microbiota differente corrispondono prodotti differenti di tali trasformazioni dei nutrienti e non nutrienti che introduciamo con la dieta, con chiari effetti individuali sullo stato di salute2. Molte ricerche hanno osservato come la risposta del nostro corpo al consumo di alimenti vari radicalmente all’interno della popolazione1. I fattori che definiscono questa variabilità sono legati allo stile di vita, allo stato di salute e alle caratteristiche genetiche del consumatore. Gli effetti con cui bisognerà confrontarsi sia in Italia ma soprattutto nei paesi meno sviluppati sono, sostienel’Agenzia Europea per l’Ambiente, sono legati l’aumento del numero di ondate di calore (70mila morti nella sola Europa con l’ondata del 2003), siccità ed eventi alluvionali catastrofici, oltre che all’aumento della diffusione di alcune malattie. Per l’OMS nel 2030, l’Africa sub-sahariana pagherà il tributo più alto di morti attribuibili ai cambiamenti climatici, mentre nel 2050 il sud-est asiatico sarà la regione più colpita per quanto riguarda la salute della popolazione.

Ricerca

Il consumo in eccesso di questi cibi “stressogeni” rappresenta un danno non solo per la salute dell’individuo, ma anche un costo enorme per il Pianeta, date le emissioni di gas climalteranti prodotte lungo la filiera alimentare. Secondo la European Public Health Alliance l’inquinamento atmosferico si sta rivelando un fattore di incremento di rischio sugli effetti del corona-virus. «I pazienti con patologie polmonari e cardiache croniche causate o peggiorate dall’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico sono meno in grado di combattere le infezioni polmonari e hanno maggiori probabilità di morire.

I processi mentali, non diversamente dal comportamento interattivo, risulterebbero ancorati e vincolati all’ambiente conversazionale in cui il soggetto si trova inserito. Analizzando la piramide ambientale, si nota così che gli alimenti di origine vegetale, che si posizionano sulla punta della piramide, sono quelli a minor impatto ambientale e che conferiscono maggiore protezione per la salute dell’individuo . Gli alimenti di origine animale, come carne e derivati, hanno un impatto ambientale più elevato per il fatto che le risorse utilizzate – come acqua, e metri quadrati di terreno occupati dagli allevamenti – sono notevoli, in associazione con un’enorme produzione di CO2, e si posizionano alla base della piramide. A parità di calorie consumate, la produzione di carne bovina ha un costo ambientale enormemente superiore a quello degli altri tipi di carne , delle uova e dei prodotti lattiero caseari. Basti pensare che per produrre 225 g di patate, pomodori, pollo e bovini si producono emissioni di CO2 equivalenti a quelle prodotte guidando un’auto per 300 m, 320 m, 1,7 Km e 15,8 Km.

la salute dell'uomo

Perché un ecosistema con poche specie viventi è un ecosistema facilmente attaccabile e che ritrova più difficilmente il proprio equilibrio. La mancanza di biodiversità mette a repentaglio le specie viventi più specializzate, che hanno cioè bisogno di un habitat specifico per trovare fonte di sostentamento, per riprodursi e sopravvivere. Gli alberi svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere l’equilibrio climatico e rappresentano il polmone verde del nostro pianeta. L’ambiente è dunque un elemento inserito nella definizione stessa di salute, in un rapporto diretto ed inalienabile tra il sé e quello che c’è intorno. Investi trenta secondi per prenderti cura di te, migliorare lo stile di vita e guadagnare salute con poche e semplici mosse.

< h3 id="toc-1">La Salute Sessuale Come Spia Della Salute Delluomo

L’augurio è che questa raccolta di articoli possa contribuire a diffondere l’idea che si può mangiare in modo consapevole ricavandone piacere, salute, benessere e che lo stile alimentare semplice e salutare torni nel nostro quotidiano. Così come condivise devono essere le politiche alimentari e agricole secondo Rosalind Sharpe, direttrice del Food Research Collaboration. “Adesso è tutto frammentato a causa dei diversi approcci dei vari Governi – spiega – e c’è il rischio che certe politiche siano in contraddizione, mentre servono un approccio più ampio e politiche globali coerenti”. Serve, dunque, un approccio olistico, che sarà quello al centro del Position paper dedicato a cibo e salute che stiamo definendo e che vogliamo sia il più condiviso possibile”. Le fonti antropiche includono trasporti, industrie, agricoltura e allevamento, produzione di energia, smaltimento dei rifiuti, riscaldamento e cottura dei cibi, estrazione mineraria e petrolifera. Rimanendo tra la fine degli anni ‘80, primi anni ‘90, FATRO, sempre pensando albenessere animale, argomento all’epoca oscuro ai più, introdusse con Dalmazin®, l’uso degli isomeri attivi che consentono di ottenere il massimo effetto terapeutico eliminando quasi del tutto gli effetti collaterali ed evitando inutili sofferenze all’animale trattato.

la salute dell'uomo

Si può ragionevolmente considerare la salute umana come la risultante di un insieme di fattori che, oltre alla componente ambientale, includono la predisposizione genetica, lo stile di vita, lo stato nutrizionale, la condizione socioeconomica e la possibilità di accesso ai servizi sanitari. In mancanza di registrazioni o di raccolte sistematiche di dati non è possibile stabilire una relazione tra i rischi che derivano alla salute da cause naturali e quelli che sono il risultato delle attività umane. Data la complessità della situazione, la valutazione dell’impatto degli agenti ambientali sullo stato di benessere richiede informazioni adeguate sul grado di esposizione e la disponibilità di dati quantitativi sufficienti a istituire un nesso di causalità.

Infarto: Tutto Sulla Prevenzione

La seconda causa di morte nei paesi industrializzati è rappresentata dal tumore, con differenze legate non solo al sesso ma anche alle diverse aree geografiche. Le malattie respiratorie, anche se sono in netto declino in tutte le regioni europee, rappresentano la terza causa di mortalità (6-7%) e, tra le forme morbose cronico-degenerative sin qui citate, sono sicuramente quelle che appaiono più legate a un’alterazione dell’equilibrio ambientale . L’inquinamento atmosferico, di cui lo smog costituisce l’aspetto climatico, è prodotto da un miscuglio di centinaia di inquinanti i cui effetti sull’uomo possono essere superiori alla semplice somma degli effetti dei singoli fattori . È stato calcolato che negli stati di recente industrializzazione il 25% delle cause di morte nella fascia d’età compresa tra 1 e 14 anni è rappresentato da malattie respiratorie, quali bronchiti, enfisemi e asma.

Circa il 75% della superficie agricola e l’80% dell’acqua disponibile sulla Terra viene annualmente sfruttata per produrre capi avicoli, bovini, ovini e prodotti d’acquacoltura, che rappresentano circa il 50% della produzione mondiale di pesce. Queste ricerche hanno quindi la necessità di riesaminare popolazioni studiate in passato da grandi studi epidemiologici. Se infatti molte delle raccomandazioni su cui si basano i LARN sono centrate su indagini di popolazione, è ora necessario esaminare le caratteristiche individuali esistenti per segmentare la popolazione in diversi gruppi. Questo approccio dovrebbe essere considerato soprattutto per le coorti di soggetti per le quali esistono biobanche, ossia per le quali è stato previsto uno stoccaggio sistematico di campioni biologici ottenuti dai volontari per ricerche future. Per ora il dibattito è sostanzialmente concentrato sulle strategie migliori per disporre di farmaci, vaccini e servizi in vista delle future epidemie. Se si soffre di diabete, ipertensione o si ha familiarità per le malattie cardiovascolari, è opportuno effettuare una visita oculistica completa una volta l’anno, che includa l’OCT,per visualizzare le sezioni dell’occhio e il fundus oculi, per esaminare la parte interna dell’occhio e in particolare la retina.

< h3 id="toc-3">Qual È Il Significato Di Salute Ambientale?

Questo l’obiettivo delle Nazioni Unite con il prossimo Food Summit, che vedrà un importante passaggio intermedio a Roma a fine luglio. Oggi siamo concentrati sull’immensa emergenza sanitaria, la pandemia di Coronavirus COVID-19. Sebbene avremmo potuto essere maggiormente preparati – era cosa nota che sarebbe occorsa nuovamente una pandemia simile alla febbre suina o alla SARS – non sono state prese tutte le misure contingenti di precauzione. Secondo The Lancet “il climate change è un rischio potenzialmente catastrofico per la salute umana che potrebbe annullare 50 anni di miglioramenti della salute globale”. L’Associazione OSSERVATORIO NAZIONALE AMIANTO rappresenta, tutela ed assiste i cittadini e lavoratori esposti vittime dell’amianto e di altri cancerogeni e i loro famigliari. Chiede la prevenzione primaria secondaria e terziaria e la messa al bando globale dell’amianto e di tutti gli altri agenti tossico nocivi per tutelare la salute e l’ambiente.

< h3 id="toc-4">One Health: La Salute Delluomo È Anche Connessa A Quella Degli Animali

Il fattore di rischio principale è quello collegato al degrado ambientale e alla perdita di biodiversità in aree tropicali. Poi si aggiunge l’interazione non corretta con gli animali, il traffico illegale di specie protette che portano patogeni e la deforestazione per aumentare copertura agropastorale. Conoscere i meccanismi con cui i contaminanti contribuiscono all’insorgenza di effetti avversi alla salute e di patologie dovute a fattori ambientali è di grande importanza per elaborare strategie efficaci di prevenzione e di intervento.

In molti casi non è comunque noto se l’effetto di alcuni inquinanti chimici atmosferici sia responsabile delle malattie respiratorie oppure esalti uno stato di malattia preesistente, né è definita l’influenza di fattori genetici sulla predisposizione alla malattia. Una notazione a parte merita l’inquinamento indoor, nel quale si sommano gli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico con l’inquinamento tipico dell’ambiente domestico e di lavoro. Un dato ormai acquisito è l’effetto del fumo passivo nello sviluppo delle malattie del basso tratto respiratorio nei bambini, ma vanno considerati anche gli inquinanti chimici, come, per es., il biossido di azoto prodotto dalla combustione del gas domestico, gli agenti biologici e allergizzanti (polveri, spore di funghi, acari ecc.).

Innanzitutto, non è stata ancora sviluppata una specifica normativa a riguardo, che riconosca gli alimenti funzionali come categoria alimentare definitivamente a sé stante. Di conseguenza, ogniqualvolta la Commissione Europea e l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare si trovano a dover disciplinare l’entrata in commercio di potenziali alimenti funzionali, è necessario un lungo e dispendioso lavoro di valutazione, scelta e interpretazione delle giuste linee guida da seguire e delle corrette norme da applicare. Diverso è invece il caso degli alimenti funzionali, definiti come qualsiasi alimento, parte di alimento, bevanda o gruppi di alimenti, dotati di effetti positivi addizionali sul mantenimento della salute, dell’omeostasi fisiologica o sulla prevenzione delle malattie4. Grazie al progresso della scienza e della tecnologia alimentare infatti negli ultimi anni sono comparsi sul mercato, accanto agli alimenti tradizionali, “nuovi alimenti” in grado di apportare componenti benefici per la salute, generalmente non-nutrienti , che sono in grado di regolare positivamente e selettivamente una o più funzioni fisiologiche del nostro organismo. Molto recentemente, anche il cosiddetto microbiota intestinale, ossia la popolazione di microorganismi che coabita nel nostro intestino, e che rappresenta una componente cruciale nel mantenimento della nostra salute, è stato riconosciuto come fattore fondamentale nella modulazione delle risposte alla dieta.