Uncategorized

Il Nuovo Farmaco Sperimentale Contro L’impotenza

Tra le malattie croniche che possono indurre disfunzione erettile, diabete e insufficienza renale cronica sono quelle che fanno registrare una più elevata incidenza. In una percentuale variabile dal 35% al 75% dei maschi affetti dadiabete si osserva la comparsa di un disturbo dell’erezione. Nei pazienti diabetici sottoposti a trattamento medico , la disfunzione erettile è più frequente rispetto ai pazienti trattati esclusivamente con restrizione dietetica.

impotenza

Oltre ad una questione strettamente anagrafica, un ruolo centrale è svolto anche dallo stile di vita dell’individuo. Svolgere regolare attività fisica, seguire una dieta equilibrata possono influire sulla capacità di raggiungere l’erezione. Lo zinco associato alla vitamina B6 fa crescere la quantità di testosterone nel sangue con conseguente aumento della libido e della risposta erotica. Il mix è efficace anche insieme alla vitamina E, quest’ultima è infatti un antiossidante che protegge la funzione sessuale maschile.

Funzionalità Sessuale Garantita Per Chi Si Opera Alla Prostata

Sul piano psicologico troviamo un arco ininterrotto di cause che vanno da una superficiale prefigurazione di insuccesso fino a quella profonda psicopatologia in cui la risposta sessuale acquista un pericoloso significato simbolico a livello inconscio. All’interno del disturbo si puo’ poi distinguere una mancanza di erezione totale o parziale, se l’erezione esiste ma e’ insufficiente per consentire la penetrazione (la più diffusa). La caratteristica di questo disturbo e’ l’incapacita’ di ottenere o di mantenere un’erezione sufficiente a consentire il coito. È molto importante che i pazienti si sottopongano a una visita andrologica non appena si manifestano i primi sintomi. Il primo passo per appurare cosa può causare la mancanza di erezione è un’accurata anamnesi medica e sessuologica del soggetto e della coppia, che include l’esecuzione di questionari volti alla oggettivizzazione del problema.

Come viene la voglia di fare l’amore?

Muira Puama, una pianta molto famosa per le sue proprietà afrodisiache, oltre che essere un ottimo tonico muscolare e ad alleviare lo stress. Maca che agisce sul sistema circolatorio, migliorando l’afflusso di sangue al pene. Zinco e vitamine, fondamentali per il sistema ormonale e per donare ancora più potenza.

Con un semplice apparecchio, collegato a due trasduttori a forma di anello posizionati sul pene del paziente, si possono “registrare” le erezioni notturne. Un fatto curioso è che, nella maggior parte degli uomini, le difficoltà di erezione non influenzano il desiderio sessuale. Il deficit vascolare, ossia l’insufficiente apporto di sangue ai corpi cavernosi che producono l’erezione del pene, è una delle cause più frequenti di disfunzione erettile. Si ritiene che tale insufficiente apporto sanguigno sia alla base di oltre l’80% dei casi di questa patologia che aumenta di frequenza con l’età del soggetto. Bisogna sospettare una reale disfunzione erettile- l’impotenza quando gli episodi di “fallimento”, cioè di mancata o insufficiente erezione, sono continui e durano da alcuni mesi. E lo stesso quando non si riscontrano più erezioni involontarie mattutine valide , o notturne.

< h3 id="toc-1">A Quante Sedute Di Solito Si Sottopone Un Paziente?

Attualmente sono in essere alcune ricerche tese a comprendere se e in che modo alcuni stili di pensiero disfunzionali, come ruminazione e rimuginio (per cui la letteratura ha già ampiamente dimostrato il ruolo predittivo, rispettivamente in Depressione e Ansia) possano avere un ruolo nella disfunzione erettile. Se la coppia non trova il modo per integrare questi cambiamenti in un modo diverso di fare l’amore possono insorgere numerose difficoltà della gestione dell’eccitazione (Fenelli, Lorenzini, 1999; Simonelli, 1997). La durata, la frequenza e l’intensità delle erezioni notturne variano con l’età, ed è bene tenerne conto per evitare spiacevoli vissuti emotivi. In un adolescente di 15 anni, infatti, si verificano in media 4 episodi di erezione notturna di circa 30 minuti per notte; un individuo 70enne invece sperimenta solo 2 erezioni per notte e di durata più breve. Disturbi erettili possono essere anche la conseguenza dell’assunzione di alcuni farmaci (antipertensivi, beta-bloccanti, alcuni antiaritmici, alcuni antiacidi, antidepressivi e sonniferi).

Come tutti i problemi sessuali, anche l’impotenza e le disfunzioni erettili finiscono spesso per compromettere le relazioni coniugali o sessuali in atto, arrivando in certi casi anche a farle naufragare. Questo perché la coppia, in particolare l’altro membro, cerca di superare il problema dapprima con la comprensione e minimizzandolo. Ma con l’andar del tempo e la non evoluzione del disturbo, l’intimità e la complicità, cominciano a venir meno. Se applicate ai corpi cavernosi del pene le onde d’urto lineari a bassa intensità, grazie all’incremento indotto dei vasi sanguigni, aumentano l’afflusso di sangue al tessuto erettile, consentendo il raggiungimento e il mantenimento di una piena erezione.

Le malattie endocrine più strettamente correlate all’insorgenza della disfunzione erettile sono l’ipogonadismo e l’iperprolattinemia. Nell’ipogonadismo si verifica una riduzione dei livelli di testosterone, che si accompagna a un calo del desiderio sessuale e a una riduzione dell’attività erettile. Negli uomini con iperprolattinemia si ha invece un aumento della prolattina, che determina un deficit erettile associato a riduzione della libido e infertilità. Per trattare efficacemente la disfunzione erettile, è necessario essere consapevoli e a proprio agio con i possibili effetti collaterali e le complicazioni che possono verificarsi con ciascuna terapia. Sildenafil , vardenafil e tadalafil sono medicinali prescritti per difficoltà di erezione da lievi a moderate causate da problemi fisici o psicologici. I problemi di erezione tendono a diventare più comuni con l’avanzare dell’età, ma possono colpire gli uomini a qualsiasi età e in qualsiasi momento della loro vita.

< h3 id="toc-2">Cosa Significa Impotenza Maschile, Ne Parliamo Con Il Centro Cura Avanzata Del Dottor Andrea Russo!

Inoltre il trattamento Solv-ED innesca quei meccanismi naturali di riparazione del tessuto vascolare, che quando danneggiato è causa principale della disfunzione erettile e si evidenzia con la perdita di qualità delle performances sessuali. Solv-ED è una tecnologia israeliana che si basa sulle onde d’urto a bassa intensità ed è indicata per la cura della disfunzione erettile maschile . A differenza di tutte le altre terapie esistenti oggi per questa patologia maschile, che non modificano la fisiopatologia del meccanismo erettivo, la terapia con onde d’urto è diretta a rigenerare il meccanismo erettile in modo da far sì che i pazienti possano avere nuovamente erezioni spontanee valide. L’eccitazione sessuale (l’insieme di stimoli, fantasie, stimoli tattili, uditivi, olfattivi ecc.) mette in circolazione una sostanza, il nitrossido , che è il principale mediatore chimico dell’erezione. Il nitrossido attiva a sua volta il GMP ciclico che stimola il rilassamento delle fibre muscolari dei corpi cavernosi del pene e favorisce la vasodilatazione delle arterie del pene. Il vistoso aumento delle sue dimensioni e la posizione eretta che assume in questa condizione sono dovuti al fatto che l’aumento del flusso del sangue (il cui ‘ingresso’ è simboleggiato dalla freccia grande) ‘gonfia’ i corpi cavernosi all’interno.

Quando lui perde l’erezione?

La psicoterapia è uno strumento di cura elettivo, in quelle circostanze in cui è esclusa una causa organica, per affrontare e risolvere l’impotenza psicologica e e le problematiche presenti o passate ad essa associate, sia attraverso un trattamento individuale che di coppia.

Rimasto sconvolto dal suo passato insuccesso, egli potrà verosimilmente preoccuparsi che la cosa riaccada e, sperimentando ansia, di fatto automaticamente renderà più probabili i futuri “fallimenti”. La reazione di allarme è un meccanismo molto importante coinvolto nell’eziologia e nel mantenimento dell’impotenza. Questa si esplica quando interviene il sistema nervoso simpatico , antagonista del sistema parasimpatico che sostiene l’erezione, che agisce da “estintore” per l’eccitazione, facendo defluire il sangue dalla zona genitale verso i muscoli di gambe e braccia, preparando così il corpo per la reazione di attacco/fuga. D. La disfunzione sessuale non è meglio spiegata da un disturbo mentale non sessuale o come conseguenza di un grave disagio relazionale o di altri significativi fattori stressanti e non è attribuibile agli effetti di una sostanza/farmaco o di un’altra condizione medica.

Ripristinare la presenza di questo composto nei nervi che regolano l’afflusso di sangue nel pene può aumentare l’efficacia di questi medicinali, il che è molto importante per i pazienti affetti da cancro alla prostata”. Nel 33 per cento dei pazienti, inoltre, l’incapacità di raggiungere o mantenere un’erezione soddisfacente si verifica anche a distanza di cinque anni dall’intervento. Ecografia del pene per verificare la presenza di problemi ai vasi sanguigni o al flusso sanguigno. Bisogna sottolineare che non esiste una sola terapia risolutiva dell’impotenza, spesso la terapia efficace deve essere sempre ponderata e prevedere, anche un approccio di natura psicosessuale, indipendentemente dalla causa, sia essa, psicogena, organica e mista organica e psicogena insieme. Nel caso in cui si appurino delle cause organiche, sarà l’urologo o andrologo a valutare l’opportunità di rimedi farmacologici, ormonali o chirurgici per la disfunzione erettile . E’ importante quindi, prima di tutto, condurre un attento esame medico, allo scopo di appurare la presenza di cause organiche, per poi passare agli aspetti psicologici, che nella stragrande maggioranza dei casi incidono significativamente.

Limpotenza Maschile Può Presentarsi A Tutte Le Età Parlane Con Landrologo

Gli anti-androgeni sono i farmaci usati per indurre impotenza nei carcerati sottoposti a castrazione chimica.

  • Inoltre il trattamento Solv-ED innesca quei meccanismi naturali di riparazione del tessuto vascolare, che quando danneggiato è causa principale della disfunzione erettile e si evidenzia con la perdita di qualità delle performances sessuali.
  • Il mix è efficace anche insieme alla vitamina E, quest’ultima è infatti un antiossidante che protegge la funzione sessuale maschile.
  • Prima di tutto, il trattamento con onde d’urto a bassa intensità non ha mai evidenziato alcun effetto collaterale significativo, come invece ormai accertato per le terapie farmacologiche.
  • Si può comunque essere abbastanza sicuri che non ci siano problemi organici se l’uomo riesce a raggiungere l’erezione durante l’attività autoerotica, oppure spontaneamente durante il sonno e al risveglio.
  • La fenilpro-panolamina, l’agente di alcuni inibitori dell’appetito e di medicinali per il raffreddore, decongestiona il naso e talvolta il pene.
  • Talvolta gli andrologi bresciani del nostro centro prescrivono prodotti da mantenere per brevi periodi, assunti anche a domicilio, ma sempre per fini curativi.

La psicoterapia riveste un ruolo importante nel trattamento delle disfunzioni dell’erezione, indipendentemente dal fatto che la causa sia organica, psicologica o mista. Tra i trattamenti vi è la somministrazione del sildenafil, meglio noto come Viagra, che dilata i vasi sanguigni, ma non sempre è associato a benefici duraturi, tanto che fino al 35 per cento degli uomini che assumono la nota ‘pillola blu’ non riesce comunque ad avere erezioni soddisfacenti. Il team ha sviluppato un farmaco per la ricrescita dei nervi in grado di inibire il gene FL2, responsabile del rallentamento della capacità dell’organismo di riparare i danni nervosi. Il trattamento, che consiste in un gel da rilasciare sui nervi danneggiati, è stato sperimentato in un modello murino, ma il gruppo di ricerca spera di avviare le procedure di test su tessuti e pazienti umani.

< h3 id="toc-4">Possibili Test Diagnostici Per Individuare Le Cause

La Disfunzione Erettile è definita dalla Consensus Conference dei National Institutes of Health del 1993 come “l’incapacità persistente a raggiungere e/o mantenere un’erezione sufficiente per avere un rapporto sessuale soddisfacente”. Quando le difficoltà sessuali sono legate a questa fase del ciclo di risposta sessuale, si parla di disturbi dell’eccitamento sessuale in cui sono classificati il disturbo maschile dell’erezione, descritto qui sotto, e il disturbo dell’eccitazione sessuale femminile. Gli stent sono ampiamente utilizzati per sostenere i vasi sanguigni più grandi, ma le arterie del pene sono significativamente più piccole e i precedenti tentativi non hanno portato a risultati promettenti, anche perché la reazione immunitaria tende a manifestarsi in modo eccessivo. I ricercatori hanno anche scoperto che questo trattamento potrebbe rendere più efficace l’assunzione di sildenafil, aumentando i livelli di ossido nitrico in organismo. “Farmaci come il Viagra – conclude Sharp – funzionano in caso di presenza sufficiente di ossido nitrico.

impotenza

In linea con questo, i disturbi erettivi secondari (che si presentano cioe’ successivamente ad un periodo di normale funzionamento) sono molto più comuni delle forme primarie che possono sottendere patologie piu’ complesse. Altro metodo sono le protesi e consistono nell’inserimento all’interno del pene di un dispositivo meccanico. Tra le più utilizzate ci sono quelle di tipo idraulico costituite da due cilindri inseriti nel pene, una pompetta applicati fuori dallo scroto e una serbatoio di liquido a lato della vescica. Si preme sulla pompetta facendo defluire il liquido del serbatoio nei cilindri i quali gonfiandosi inducono l’erezione, al termine del rapporto si preme in senso inverso sulla pompetta e il liquido torna nel serbatoio e il pene assume la posizione di riposo (altro metodo evidentemente poco naturale e poco comodo!). Viene utilizzato talvolta dall’anziano, in presenza di serie malattie a carico del pene, etc. Il medico indirizzerà sulla molecola più adatta, generalmente un farmaco a lunga azione quale il tadalafil è più indicato in una relazione di coppia stabile mentre altri farmaci ad azione più breve sono adatti in caso di rapporti occasionali.