Uncategorized

Impotenza Cosè E Come Si Cura

La cosa più importante è che la donna non cerchi di nascondere i propri disturbi sessuali non solo al partner, ma al medico per primo. Nonostante sia innanzitutto opportuno escludere una causa medica, i fattori psicologici sono da tenere ben presenti in quanto possono influire sia sull’erezione che sul desiderio. Infatti, emozioni negative quali la depressione, la rabbia, il risentimento e, in particolare, l’ansia possono comportare difficoltà di erezione. L’impotenza, o disfunzione erettile, è definita come l’incapacità persistente di raggiungere o mantenere un’erezione soddisfacente, e nel Regno Unito colpisce più della metà degli uomini di età compresa tra 40 e 70 anni. Anche in caso di roditori con nervi completamente recisi è stata osservata la ricrescita dei nervi nell’87,5 per cento dei pazienti. “La disfunzione erettile che si verifica a seguito della prostatectomia – osserva David Sharp, collega e coautore di Davies – può avere un impatto importante sulla vita sessuale di molti uomini e dei loro partner.

impotenza

Il direttore sanitario del CMEIT è il dr. Antonino Pellegriti, medico specialista in endocrinologia-andrologia (specializzatosi presso l’Università degli Studi di Firenze), perfezionato ed esperto in andrologia, medicina e chirurgia andrologica, urologia e patologie della prostata. La minor quantità di sangue che affluisce nel pene non è la sola causa vascolare dell’impotenza. A un certo punto – più tardi è, meglio è – il sangue deve pur defluire e lo fa attraverso le vene. Un livello elevato di colesterolo – e in particolare un LDL, o colesterolo «cattivo», troppo alto e un HDL, o colesterolo «buono», troppo basso – sono fattori che lasciano presagire l’impotenza e, statisticamente parlando, sono probabilmente più significativi del livello di testosterone. Si ritiene normalmente che la meta’ o piu’ della popolazione maschile abbia presentato nel corso della vita episodi passeggeri di disfunzione erettile, costituendo questo un fenomeno normale che puo’ presentarsi a qualsiasi eta’ per i più svariati motivi.

Impotenza

La propensione al vizio del fumo, l’uso di droghe e alcol, uniti a fattori psicologici come paura, ansia da prestazione, bassa autostima possono contribuire al disturbo. La disfunzione erettile o impotenza è l’incapacità costante di raggiungere e mantenere una erezione sufficiente per portare a termine un rapporto sessuale. L’erezione peniena è infatti quel fenomeno indotto dall’eccitazione sessuale che provoca l’aumento delle dimensioni, l’inturgidimento e il sollevamento del pene tramite l’afflusso di sangue nei corpi cavernosi. A parte i trattamenti chirurgici, riservati ai casi che non rispondono ai farmaci, il trattamento della disfunzione erettile è oggi basato sui farmaci inibitori della 5-fosfodiesterasi che, somministrati per via orale, sono in grado di indurre l’erezione promuovendo l’afflusso di sangue al pene.

Come viene la voglia di fare l’amore?

Muira Puama, una pianta molto famosa per le sue proprietà afrodisiache, oltre che essere un ottimo tonico muscolare e ad alleviare lo stress. Maca che agisce sul sistema circolatorio, migliorando l’afflusso di sangue al pene. Zinco e vitamine, fondamentali per il sistema ormonale e per donare ancora più potenza.

La psicoterapia riveste un ruolo importante nel trattamento delle disfunzioni dell’erezione, indipendentemente dal fatto che la causa sia organica, psicologica o mista. Tra i trattamenti vi è la somministrazione del sildenafil, meglio noto come Viagra, che dilata i vasi sanguigni, ma non sempre è associato a benefici duraturi, tanto che fino al 35 per cento degli uomini che assumono la nota ‘pillola blu’ non riesce comunque ad avere erezioni soddisfacenti. Il team ha sviluppato un farmaco per la ricrescita dei nervi in grado di inibire il gene FL2, responsabile del rallentamento della capacità dell’organismo di riparare i danni nervosi. Il trattamento, che consiste in un gel da rilasciare sui nervi danneggiati, è stato sperimentato in un modello murino, ma il gruppo di ricerca spera di avviare le procedure di test su tessuti e pazienti umani.

La disfunzione erettile è proprio un caso di impotenza, cioè di mancata erezione, che può essere legato a cause psicologiche od organiche, anche quando è presente un forte desiderio sessuale. Tra le patologie neurologiche a carico del sistema nervoso centrale che possono essere correlate alla disfunzione erettile occupano un ruolo di primo piano lasclerosi multipla, lamalattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson. Il recupero della potenza sessuale post-traumatica dipende dal livello e dall’entità della lesione. Anche i nervi periferici che mediano l’erezione possono essere danneggiati in numerose situazioni patologiche, soprattutto in caso di diabete. Questo stato fisico e psichico di deficit, può essere anche di modesta o media gravità e presentarsi a ogni età, ma la sua frequenza aumenta proporzionalmente con l’età.

< h3 id="toc-1">Cause Vascolari

Protrae anche il rilassamento della muscolatura liscia dei corpi cavernosi e ciò aiuta quindi a mantenere l’erezione. La compressa va assunta almeno minuti prima del rapporto sessuale e la sua efficacia perdura per altre 3-4 ore. E’ efficace anche in caso di impotenza causata da diabete, ipertensione, traumi, danni causati dal tumore alla prostata.

E’ molto diversa dall’impotenza, un uomo che non è in grado di mantenere un’erezione può comunque essere in grado di produrre sperma, che potrebbe fecondare un uovo. Un uomo infertile di solito è in grado di mantenere l’erezione, ma potrebbe non essere in grado di generare un figlio a causa di problemi con il numero di spermatozoi o altri fattori. Statisticamente gli uomini che nascondono il loro problema di impotenza, sono la maggior parte.

< h3 id="toc-2">Disfunzione Erettile Impotenza: Sintomi E Cura

Secondo uno studio di Harvard, con soli 30 minuti di cammino al giorno, si è verificato un calo del 41% del rischio di DE. Altre ricerche suggeriscono che un esercizio moderato può aiutare a ripristinare le prestazioni sessuali negli uomini di mezza età obesi con DE. Il medico di base, un urologo, un andrologo o un endocrinologo sono tutti in grado di diagnosticare e trattare i problemi di impotenza.

  • Gli scienziati hanno progettato uno stent per allargare le arterie in cui i depositi di grasso limitano l’afflusso sanguigno, ad esempio a seguito di aterosclerosi, associata quasi all’80 per cento dei casi di impotenza.
  • Le conclusioni dei ricercatori sono frutto di una sperimentazione condotta sui topi, dove si è osservato che l’idrogeno solforato stimolava l’erezione e il rilassamento della muscolatura liscia dei vasi, e su tessuti umani prelevati da otto pazienti che si erano sottoposti a un intervento chirurgico per cambio di sesso.
  • Le cause riconosciute dell’impotenza sessuale maschile possono essere di natura organica, psicologica o mista.
  • Se l’impotenza è frutto di una malattia di cuore, il trattamento causale prevede la cura di tale malattia .
  • Un secondo ciclo di terapia non è quasi mai necessario, ma potrebbe comunque migliorare ulteriormente le performances.

Al ripristino della funzionalita’ sessuale, si accompagnano casi in cui occorre intervenire, talvolta fin da subito, fornendo anche un sostegno a livello di tecniche sessuoterapiche; e qui l’occhio clinico certamente aiuta. Sara’ compito di queste strutture fornire poi gli esiti nel più breve tempo possibile, perche’ quello che vale in genere per le disfunzioni sessuali, e’ vero in particolare per le disfunzioni erettili, e che cioe’ la positività della prognosi e la durata del disturbo sono talvolta inversamente proporzionali. Quando si sente quindi affermare che nell’80% dei casi il problema e’ di natura organica, bisogna rapportarlo a questi dati e dedurre che sotto i anni la quasi totalita’ delle disfunzioni erettili e’ di origine prevalentemente psichica. Tutte le cause che possono portare a un rifiuto della partner, spesso non riconosciuto, possono essere causa di difficolta’ erettili.

Terapia Causale

Nella sperimentazione sono stati coinvolti 100 uomini di età compresa tra 50 e 70 anni con problemi di erezione causati dall’ostruzione delle arterie. Ai partecipanti è stato impiantato lo stent durante un intervento in anestesia locale, dopo che erano state identificate le aree di restringimento arterioso tramite scansioni ed esami clinici. I ricercatori hanno utilizzato un modello murino per valutare l’efficacia del trattamento.

Succede quindi, come confermano gli specialisti in sessuologia e andrologia del centro andrologico di Brescia, che i pazienti diventino praticamente legati al farmaco di cui non riusciranno mai a liberarsi. Di questa nuova terapia è stata data notizia, dopo l’esperimento pilota effettuato recentemente da 50 pazienti volontari, in Svizzera, con risultati largamente positivi. L’intervento in day-hospital, senza necessità di ricovero, si conclude, infine, con due punti di sutura all’altezza dell’inguine. Naturalmente, come gli stent coronarici, gli stent penieni vengono ancorati strettamente alla parete vascolare, in modo da restare fissi e di non essere spostati né dalle contrazioni cardiache né dalle sollecitazioni e variazioni di volume del membro maschile durante l’eccitamento sessuale. L’impotenza sessuale, definita più correttamente in medicina come “disfunzione erettile”, è una condizione clinica che colpisce una vasta percentuale di uomini, soprattutto dopo i 50 anni. A volte i nervi vengono recisi durante un intervento alla prostata, anche se succede più raramente con le nuove tecniche chirurgiche, o distrutti da radiazioni in loco, soprattutto durante le terapie del cancro alla prostata e di altri tumori alla pelvi e al tratto genito-urinario.

Oltre ad una questione strettamente anagrafica, un ruolo centrale è svolto anche dallo stile di vita dell’individuo. Svolgere regolare attività fisica, seguire una dieta equilibrata possono influire sulla capacità di raggiungere l’erezione. Lo zinco associato alla vitamina B6 fa crescere la quantità di testosterone nel sangue con conseguente aumento della libido e della risposta erotica. Il mix è efficace anche insieme alla vitamina E, quest’ultima è infatti un antiossidante che protegge la funzione sessuale maschile.

Gli anti-androgeni sono i farmaci usati per indurre impotenza nei carcerati sottoposti a castrazione chimica.

impotenza

Attualmente sono in essere alcune ricerche tese a comprendere se e in che modo alcuni stili di pensiero disfunzionali, come ruminazione e rimuginio (per cui la letteratura ha già ampiamente dimostrato il ruolo predittivo, rispettivamente in Depressione e Ansia) possano avere un ruolo nella disfunzione erettile. Se la coppia non trova il modo per integrare questi cambiamenti in un modo diverso di fare l’amore possono insorgere numerose difficoltà della gestione dell’eccitazione (Fenelli, Lorenzini, 1999; Simonelli, 1997). La durata, la frequenza e l’intensità delle erezioni notturne variano con l’età, ed è bene tenerne conto per evitare spiacevoli vissuti emotivi. In un adolescente di 15 anni, infatti, si verificano in media 4 episodi di erezione notturna di circa 30 minuti per notte; un individuo 70enne invece sperimenta solo 2 erezioni per notte e di durata più breve. Disturbi erettili possono essere anche la conseguenza dell’assunzione di alcuni farmaci (antipertensivi, beta-bloccanti, alcuni antiaritmici, alcuni antiacidi, antidepressivi e sonniferi).