Uncategorized

Inquinamento Atmosferico, Covid

L’ultimo rapporto di Sentieri dell’Istituto Superiore di Sanità senza tanti giri di parole rileva un’ “emergenza cancro” tra i più giovani, con un aumento medio del 9% dei tumori maligni infantili. La causa principale delle neoplasie infantili sta nella diffusione capillare in aria, acqua e cibi delle “molecole mimetiche”, sostanze diverse tra loro ma che, una volta entrate nel corpo rivelano una capacità comune, quella di “mimare” l’azione regolatrice di alcune molecole naturali”. Molti dei fattori di rischio, specie quelli legati a inquinamento e stili di vita, sono ben noti, ma ognuno di noi può seguire semplici regole per consegnare alle future generazioni un ambiente più sano e sostenibile. Anche quando non ci si appella a una nozione di ambiente che include i processi mentali, si postula comunque che tra individuo e ambiente – sociale, biologico o fisico – ci sia un coadattamento. La socializzazione non è quindi più vista come un processo finalizzato a trasformare il bambino in essere sociale, giacché in qualche misura il piccolo dell’uomo lo è già.

la salute dell'uomo

In Africa ed Asia ad esempio la crescente estinzione di specie animali sta privando i ricercatori di importanti casi studio. Gli studi di anatomia, fisiologia e biochimica della fauna selvatica possono portare a importanti sviluppi nella medicina umana. Esempi di specie di interesse per la scienza medica includono orsi , squali , cetacei e granchi ferro di cavallo (optometria / oftalmologia e biologia cellulare molecolare). I danni causati dall’inquinamento e dalla perdita di biodiversità sulla salute umana, sono anch’essi scientificamente provati.

Secondo l’OMS le zoonosi, le malattie che si trasmettono dagli animali all’uomo, rappresentano il 65% delle malattie infettive emergenti. La presbiopia colpisce in egual misura gli uomini e le donne, anche se alcuni studi sembrerebbero dimostrare un’insorgenza più precoce nelle donne. Alcuni uomini però tendono a trascurarla più a lungo, affaticando la vista, per evitare l’uso degli occhiali da lettura.

L’uso di carbone, kerosene e legna per scaldare e cucinare, invece, è il principale responsabile dell’inquinamento dell’aria negli edifici. Il maggiore responsabile di questi problemi alla nostra salute è il particolato di medie dimensioni (PM2.5), che peggiora la salute di persone in condizioni già delicate o già compromesse (ad esempio dall’abitudine al fumo) ed è indicato dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro come una delle principali cause di tumori maligni. In Europa, la maggiore concentrazione di PM2.5 è nella penisola balcanica ed è dovuta principalmente all’uso domestico di kerosene e carbone per scaldare e cucinare. FATRO, oltre lamassima attenzione per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionalisi occupa del benessere dei dipendenti attraverso lacura degli ambienti di lavoro, dei locali adibiti al ristoro, offrendo ancheagevolazioni rivolte ai famigliari, con particolare riguardo aigiovani ed al loro sviluppo culturale.

Alimentazione

La deforestazione massiccia oltre a peggiorare la qualità dell’aria che respiriamo e ad aumentare la presenza di CO2 nell’atmosfera, con conseguenze enormi sui cambiamenti climatici e sul riscaldamento globale gioca un ruolo fondamentale nella trasmissione dei virus dall’uomo agli animali. Negli ultimi anni anche i maschi sembrano essere diventati più sensibili agli accorgimenti che possono rallentare il processo dell’invecchiamento. Le rughe, ma soprattutto la caduta di capelli sono oggetto principale delle attenzioni degli uomini.

la salute dell'uomo

Questi due problemi non sono determinati solo da componenti genetiche ma anche da stress e carenze alimentari. Infatti, si possono trovare benefici in frutta e verdura che sono ricche di vitamine e antiossidanti, fondamentali per la cura della pelle; l’apporto di vitamine A e del gruppo B, di minerali quali zinco , selenio , nutrienti di cui è ricco il Grana Padano , sono invece oro per il benessere del capello. Anche il ferro contenuto nella carne e nelle verdure è utile, in queste ultime però è poco biodisponibile, occorre quindi condirle con olio e limone perché se la vitamina C favorisce l’assorbimento del ferro, l’olio d’oliva è ricco di vitamina E, altro potente antiossidante.

< h3 id="toc-1">Tutela Ambiente E Salute Delluomo: A Palermo Presentato Il Primo Padiglione Del Centro Internazionale

Pertanto è necessario adottare un approccio terapeutico che non tenga conto solo della cura degli animali, ma che permetta di non avere residui di farmaci quando gli alimenti dell’animale trattato arrivano sulla nostra tavola. Dobbiamo considerare che è sempre meglio“prevenire che curare”, utilizzando gli antibiotici in modo corretto solo “quando e quanto servono”, per evitare che si instaurino dei fenomeni di antibioticoresistenza. Queste considerazioni oggi molto attuali, lo erano molto meno quando FATRO, a metà degli anni ‘80, lanciò il primo probiotico veterinario per prevenire le malattie in modo naturale, riducendo l’uso degli antibiotici. Purtroppo questo concetto di trattamento preventivo era troppo avanzato per quegli anni e non ebbe il successo che meritava. Sempre nello stesso periodo, nell’ambito della prevenzione, venne creata laDivisione Biologici FATROche si svilupperà rapidamente ed oggi produce e vende in Italia ed in svariati paesi esteri, vaccini per tutte le specie DPA.

la salute dell'uomo

Essa piuttosto lo rende membro di un particolare ambiente sociale che inizialmente coincide con la famiglia, ma che ben presto includerà altri sistemi. L’elemento di problematicità non è conseguentemente più individuato nel rapporto fra dotazione biologica e ambiente sociale, ma semmai all’interno dell’ambiente sociale, soprattutto nella contraddittorietà delle definizioni sociali della realtà e dei messaggi comunicativi. Inoltre si ipotizza che persino quella parte dell’ambiente così cruciale per i processi di apprendimento, rappresentata dal comportamento tutorio dell’adulto verso il bambino, sia un prodotto dell’evoluzione, alla stessa stregua di quegli aspetti dell’organismo individuale che riteniamo innati. Esisterebbero gli ‘universali educativi’, cioè meccanismi interattivi innati, comuni a tutti i membri della nostra specie, volti a favorire il comportamento tutorio. È infatti inconcepibile una società che ostacoli i meccanismi interattivi essenziali allo sviluppo dell’apprendimento.

< h3 id="toc-2">Disfunzione Erettile E Problemi Sessuali Maschili

L’acqua si trova alla base della piramide alimentare ma spesso non è considerata come un alimento e per questo spesso dimenticata. In realtà l’uomo è fatto principalmente di acqua e le perdite durante la giornata tramite sudorazione, eliminazione, traspirazione sono numerose e comportano anche la perdita di preziosi sali minerali , pertanto reintegrare con i giusti apporti è fondamentale. Almeno 1,5 – 2 litri al giorno sono i quantitativi minimi da assumere, da aumentare se la temperatura esterna è alta o in presenza di attività fisica intensa. Si introduce acqua anche mangiando alimenti di per sé ricchi di acqua, come frutta e verdura, ricchi di sali minerali. Attenzione perché la sete non si sente come la fame, se non quando già ci stiamo disidratando, quindi cerchiamo di imporci degli obiettivi come gli otto bicchieri al giorno in modo da garantire la corretta idratazione. Le patologie maggiormente riscontrate, la cui causa è attribuita all’esposizione prolungata a queste sostanze, sono il tumore ai reni; il cancro ai testicoli; malattie della tiroide; ipertensione in gravidanza; colite ulcerosa; aumento del colesterolo e molte altre.

Questo, infatti, varia da individuo a individuo ed è in grado di trasformare i componenti della dieta con cui entra in contatto. A microbiota differente corrispondono prodotti differenti di tali trasformazioni dei nutrienti e non nutrienti che introduciamo con la dieta, con chiari effetti individuali sullo stato di salute2. Molte ricerche hanno osservato come la risposta del nostro corpo al consumo di alimenti vari radicalmente all’interno della popolazione1. I fattori che definiscono questa variabilità sono legati allo stile di vita, allo stato di salute e alle caratteristiche genetiche del consumatore. Gli effetti con cui bisognerà confrontarsi sia in Italia ma soprattutto nei paesi meno sviluppati sono, sostienel’Agenzia Europea per l’Ambiente, sono legati l’aumento del numero di ondate di calore (70mila morti nella sola Europa con l’ondata del 2003), siccità ed eventi alluvionali catastrofici, oltre che all’aumento della diffusione di alcune malattie. Per l’OMS nel 2030, l’Africa sub-sahariana pagherà il tributo più alto di morti attribuibili ai cambiamenti climatici, mentre nel 2050 il sud-est asiatico sarà la regione più colpita per quanto riguarda la salute della popolazione.

  • Infine, servirebbero maggiori finanziamenti alla ricerca in ambito nutrizionale, per sviluppare soprattutto robusti studi di intervento nell’uomo, tanto utili quanto laboriosi e costosi.
  • Oggi, i livelli di inquinamento dell’aria sono tornati a quelli che si avevano prima della pandemia, con un aumento anche fino al doppio in alcune città.
  • Chiede la prevenzione primaria secondaria e terziaria e la messa al bando globale dell’amianto e di tutti gli altri agenti tossico nocivi per tutelare la salute e l’ambiente.

La scarsa conoscenza del concetto di alimento funzionale determina l’aumento dello scetticismo riguardo gli effetti benefici attribuiti ai cibi funzionali e ciò può costituire un ostacolo allo sviluppo del mercato di tali prodotti. Inoltre, considerando che la principale fonte di informazione riguardo gli alimenti funzionali è la pubblicità, è inevitabile che la scelta dei consumatori sia influenzata più dal marketing che dalla consapevolezza del beneficio reale di questi alimenti. Nonostante il concetto di alimenti funzionali sia stato introdotto circa 30 anni fa, permangono ancora aspetti critici, come la grande lacuna della legislazione europea, la tutela del consumatore da informazioni false o fuorvianti che possano indurlo a scelte sbagliate e la mancanza di un’informazione corretta e semplice.

I gas a effetto serra derivanti dalla produzione di bestiame, incluso il trasporto e l’alimentazione, rappresentano il 18% delle emissioni globali prodotte dall’uomo. Il metano, che viene prodotto dalle fermentazioni enteriche degli animali, corrisponde al 35-40% delle emissioni. Al tempo stesso, gli alimenti funzionali non devono incoraggiare consumi eccessivi di quel determinato cibo, non devono far nascere timori nei consumatori, devono essere facilmente comprensibili per il consumatore medio e devono evitare messaggi che attribuiscano proprietà curative o terapeutiche all’alimento. Questo ultimo aspetto è particolarmente importante, visto che i maggiori acquirenti di alimenti funzionali sono individui affetti da malattie molto comuni, come diabete, malattie cardiovascolari e obesità, che vedono questi cibi come una alternativa pratica, più naturale e meno dannosa, in termini di effetti collaterali, rispetto ai farmaci. Inoltre, c’è una generale carenza di informazione; basti pensare che la maggior parte dei consumatori non sa nemmeno definire il termine “alimento funzionale” e spesso confonde erroneamente gli alimenti funzionali con gli integratori, i nutraceutici o addirittura i prodotti erboristici. Tuttavia, è ormai evidente come la risposta del nostro organismo al consumo di alimenti sia suscettibile alla variabilità fra individui.

Gli Sprechi Alimentari

La seconda causa di morte nei paesi industrializzati è rappresentata dal tumore, con differenze legate non solo al sesso ma anche alle diverse aree geografiche. Le malattie respiratorie, anche se sono in netto declino in tutte le regioni europee, rappresentano la terza causa di mortalità (6-7%) e, tra le forme morbose cronico-degenerative sin qui citate, sono sicuramente quelle che appaiono più legate a un’alterazione dell’equilibrio ambientale . L’inquinamento atmosferico, di cui lo smog costituisce l’aspetto climatico, è prodotto da un miscuglio di centinaia di inquinanti i cui effetti sull’uomo possono essere superiori alla semplice somma degli effetti dei singoli fattori . È stato calcolato che negli stati di recente industrializzazione il 25% delle cause di morte nella fascia d’età compresa tra 1 e 14 anni è rappresentato da malattie respiratorie, quali bronchiti, enfisemi e asma.

Perché un ecosistema con poche specie viventi è un ecosistema facilmente attaccabile e che ritrova più difficilmente il proprio equilibrio. La mancanza di biodiversità mette a repentaglio le specie viventi più specializzate, che hanno cioè bisogno di un habitat specifico per trovare fonte di sostentamento, per riprodursi e sopravvivere. Gli alberi svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere l’equilibrio climatico e rappresentano il polmone verde del nostro pianeta. L’ambiente è dunque un elemento inserito nella definizione stessa di salute, in un rapporto diretto ed inalienabile tra il sé e quello che c’è intorno. Investi trenta secondi per prenderti cura di te, migliorare lo stile di vita e guadagnare salute con poche e semplici mosse.