Uncategorized

L’eiaculazione Precoce Si Puo’ Curare!

L’uomo infatti prova un senso di vergogna, timore, umiliazione e inadeguatezza; questi sentimenti e convinzioni sono spesso rinforzati dal/dalla partner con conseguenze dolorose per tutte le persone coinvolte. Infatti, il rapporto sessuale non viene più visto come un’attività condivisa né viene più considerata una fonte di piacere e accrescimento reciproco, piuttosto diventa un calvario da sopportare. Nel disturbo da eiaculazione precoce, quindi, l’uomo eiacula prima di quando desidererebbe con conseguente scarso appagamento sessuale proprio e del/della partner. L’eiaculazione precoce consiste nella presenza di persistente o ricorrente eiaculazione in seguito a stimolazione sessuale anche minima, oppure prima, durante o poco dopo la penetrazione, comunque prima di quando il soggetto desidererebbe. Un tempo chiamato impotenza, il deficit erettivo è caratterizzato dalla “impossibilità a mantenere un’adeguata rigidità sufficiente per una prestazione soddisfacente per il soggetto“; è una disfunzione sessuale che compromette la seconda fase della risposta sessuale, cioè quella dell’eccitazione, e può non intaccare la fase del desiderio e la fare dell’orgasmo. Tali strategie, oltre a rappresentare l’anti-appagemento per eccellenza, rappresentano la strada più breve per velocizzare il riflesso eiaculatorio, in quanto spostano l’attenzione dal controllo eiaculatorio ad altro.

Eiaculazione precoce

Terapia farmacologica, comportamentale, al bisogno o in cronico, sono da integrare e da far condividere al paziente sulla base degli obiettivi da raggiungere (“Coaching”). Inoltre va sempre ricordato che altre condizioni mediche, anche andrologiche possono avere un ruolo, e vanno trattate prima di affrontare la EP. Le informazioni che trovi in questo sito web sono puramente di carattere informativo e non si sostituiscono al parere medico. Il muscolo pubococcigeo è un muscolo volontario, posizionato tra testicoli ed ano, che assieme ad altri muscoli forma il pavimento pelvico .

Deve far pensare che l’apprendimento ha sicuramente un certo ruolo, ma che l’aspetto causale piu’ generale, che un terapeuta dovrebbe tener presente, e’ la difesa dalle sensazioni erotiche, che puo’ essere l’esito finale di tante situazioni problematiche. Fra gli aspetti psicologici delle problematiche sessuali che, sebbene in misura diversa, hanno in comune fra loro la difficolta’ a relazionarsi con il corpo dell’altro e a vivere tranquillamente il piacere, E.P. Compresa, non possono non rivestire importanza i problemi legati al processo di separazione dalla madre e dall’ambiente familiare. In altri casi il problema presentato, che magari dura da sempre, è un’anorgasmia primaria situazionale. Con questa terminologia si intende di norma l’impossibilità di un uomo di eiaculare e di avere un orgasmo normalmente nel corso del rapporto con una donna e di riuscire invece quando è solo, masturbandosi. Nelle formesecondarieoccorre che il sessuologo, nel corso della consulenza iniziale, faccia particolarmente attenzione alla ricostruzione anamnestica, cioè alla storia, del disturbo e della persona cui si appresta a fornire il proprio aiuto.

Sesso: Rapporti Lampo Per 5 Mln Italiani, Disturbo Più Diffuso In Camera Da Letto

L’unica molecola approvata in Italia per questo problema è la dapoxetina , che presenta affetti collaterali normalmente accettabili (ipotensione, nausea, diarrea e mal di testa di entità modesta).Per chi non ne è affetto da depressione non altera il tono dell’umore. Va assunta 1 ora e mezza- 2 ore prima del rapporto con una durata del suo effetto di circa 4 ore. Vanno trattate prima possibili cause “organiche”, come per esempio il frenulo breve, se presente, o le prostatiti.

Eiaculazione precoce

L’avere un rapporto sessuale meno frequentemente di quanto desiderato potrebbe peggiorare il problema, rendendo il soggetto ancora più sensibile. L’eiaculazione precoce è raramente provocata da malattie, anche se l’infiammazione della ghiandola prostatica, l’iperattività della ghiandola della tiroide o una malattia del sistema nervoso possono esserne la causa. La tecnica dello squeeze consente di mantenere il controllo dell’eiaculazione attraverso una pressione alla cima e alla base del pene, non appena ci si accorge che sta arrivando il momento dell’orgasmo. Il ruolo della donna nella tecnica dello squeeze è fondamentale poiché, quest’ultima, anziché fermarsi, quando il compagno le comunica l’approssimarsi del momento critico, dovrà afferrare il pene eretto sotto il glande e schiacciarlo con forza, fino a che l’uomo non perderà buona parte della sua erezione. In altre parole l’uomo tende a masturbarsi in maniera “veloce”, abituando il proprio corpo ad una velocizzazione del processo orgasmico, che poi non manca di attuarsi anche nel rapporto sessuale con il partner.

< h3 id="toc-1">Eiaculazione Precoce: Cause

EP Secondaria (nota anche come “acquisita”) – caratterizzata da una comparsa graduale o improvvisa, con una eiaculazione in precedenza normale. Si stima, infatti che abbia un’incidenza sulla popolazione maschile adulta superiore al 20% malgrado solo il 9% di questi si rivolga al medico. E sulla quale ha uno scarso o nessun controllo volontario, in grado di determinare sofferenza di uno o entrambi i partners. A mio avviso, questo modo di vedere, consente di integrare ragionevolmente la passata teoria che vedeva l’eiaculazione precoce solo come un semplice comportamento viziato, con la recente interpretazione “biochimica” circa le origini del disturbo.

L’eiaculazione precoce è un fenomeno che spesso viene considerato come “incapacità” o “incompetenza sessuale” perché letto e interpretato seguendo una linea di “prestazione”. Esso invece è spesso legato a problemi fisiologici o psicologici, in ogni caso ha cause individuabili grazie ad un percorso medico e risolvibili. Ad esempio tra le principali cause fisiologiche dell’eiaculazione precoce potremmo trovare la ghiandola prostatica. In questo caso la causa del fenomeno non è l’uomo che non riesce a trattenere la propria passione ed a controllare l’eiaculazione ma questo organo deputato alla produzione del liquido seminale.

  • L’eiaculazione precoce è quella che si verifica troppo presto, in genere durante o poco dopo la penetrazione o prima di questa.
  • Attualmente, gli specialisti indicano che le cause sono complesse interazioni tra fattori psicologici e biologici.
  • La tecnica dello stop start è utile per far si che l’uomo si rilassi ed accantoni l’ansia mentale, poiché spesso e volentieri è proprio l’agitazione a causare eiaculazione precoce.
  • Potrebbe essere necessario un po ‘di pratica per farlo bene, ma è stato dimostrato che questo aiuta.
  • Gentile signor Francesco, ha ragione a cercare una soluzione preventiva al problema dell’eiaculazione precoce, che giustamente la preoccupa.

Comunque, alcuni uomini perdono la capacità di ritardare l’orgasmo dopo un periodo di funzionamento adeguato. La tecnica della compressione prevede che un terapista del sesso “educhi” il paziente e la partner ad una serie di esercizi per aumentare la sensazione di controllo. La tecnica dello squeeze mostra i suoi migliori risultati in presenza di relazioni stabili, giovandosi della complicità e della collaborazione reciproca fra i partner.

< h3 id="toc-2">quando Lamore Non Aspetta: Storie Di Uomini E Passioni Come Ritrovare Il Controllo Del Piacere

Quando alla fine ciò avviene, dato che la problematica persiste, spesso si è provato a curarsi in maniera autonoma e con tentativi che possono essere dannosi per la salute a causa dell’impiego di farmaci non autorizzati. Normalmente l’EP primaria,quella cioe’ presente fin dall’inizio della vita sessuale in una persona che non presenta malattie fisiche riconosciute o malformazioni genitali,raramente viene fatta oggetto di indagini e approfondimenti medico-diagnosticiprima di cominciare una psicoterapia sessuale, perche’ cause organiche ben difficilmente se ne sono trovate. Non bisogna poi dimenticare che per rimanere nel corpo di una donna bisogna, in qualche modo, avere la convinzione di essere ben accetto e questo non sempre nella fantasia interna dell’uomo e’ scontato, fantasia che naturalmente non ha niente a che fare con la effettiva disponibilita’ della compagna. Oltre a cio’, rapporti di coppia in cui predominano aspetti negativi, quali il rifiuto del partner, ostilita’ e lotte di potere, non facilitano certamente il necessario abbandono dell’uomo nel corpo della donna. E’ tipico ad esempio che la precocità aumenti quando la frequenza dei rapporti sessuali, per qualunque ragione, rallenti e torni, per così dire, alla norma, quando si torna alla frequenza abituale.

Cosa acquistare in erboristeria per avere una buona erezione?

Piante medicinali ed integratori utili contro la Disfunzione erettile. Ginseng, Maca Andina, Yohimbe, L-arginina (per la sua azione favorente l’aumento della produzione di Ossido Nitrico a livello neuronale ed endoteliale), Butea superba.

Ansia sociale, ansia da prestazione, depressione, problemi di coppia, insoddisfazione per l’immagine corporea, assuefazione da masturbazione ed esperienze sessuali negative sono tutti fattori che spesso contribuiscono a generare il disturbo. Gli uomini con questo disturbo vivono rapporti sessuali veloci e insoddisfacenti compromettendo la qualità della vita. La compromissione spesso si manifesta nella relazione di coppia generando conflitti, equivoci e malumori che rinforzano e aggravano la sintomatologia stessa. L’eiaculazione precoce si riferisce ad una mancanza di controllo dell’eiaculazione e più precisamente indica che la durata della propria latenza eiaculatoria, e cioè il tempo che intercorre tra l’inizio dell’attività sessuale e il momento dell’eiaculaizione, è inferiore o uguale ad un minuto.

Quali Forme Si Distinguono Nelleiaculazione Precoce?

Primo, perché potrebbero essere contraffatti e nocivi; e poi perché, questi farmaci sono degli antidepressivi e come tutti gli antidepressivi, vanno sempre prescritti da un medico che vi abbia visitato e informato adeguatamente sul rapporto costi/benefici della terapia. Consiste nella stimolazione del pene da solo o con la partner fino al punto di massima eccitazione per poi fermare la stimolazione prima dell’emissione fino alla conseguente riduzione dell’erezione. Il “gioco sessuale” ricomincia fino all’approssimarsi della nuova fase di emissione per un numero di volte accuratamente prescritto dal terapeuta. La diagnosi è essenzialmente clinica sulla base dell’esperienza raccontata dal paziente e con l’ausilio di un questionario specifico (PEDT – Premature Ejaculation Diagnostic Tool).

Oggi possiamo quindi affermare con certezza scientifica che l’eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale ha spesso cause organiche ben identificate e, oltre alla prostatite, si può manifestare per altre patologie a carico del sistema endocrino e neurologico. Questa può essere influenzata e caratterizzata dalle condizioni in cui si svolge , le caratteristiche della relazione di coppia , somatici e psichici che rendono difficile ogni tentativo di definizione in termini di normalità considerando anche il fatto che il range di normalità da valutare è in funzione del tempo. Per questo motivo la Medicina trova enorme difficoltà per stabilire un tempo di eiaculazione normale. Oggi possiamo affermare con certezza che 1 uomo su 3 risulta affetto da eiaculazione precoce. Dal punto di vista diagnostico è necessaria la raccolta dell’anamnesi, un accurato esame obbiettivo, che comprende l’esame del pene e l’esplorazione rettale per la valutazione della ghiandola prostatica al fine di evidenziare patologie specifiche come noduli tumorali e soprattutto una prostatite cronica responsabile del problema. La corretta contrazione dei muscoli del piano perineale e la valutazione del riflesso bulbo cavernoso ci può aiutare a comprendere le cause di una disfunzione così poco definibile da punto di vista diagnostico.

In una fase iniziale della sua vita sessuale, Alfredo non si rende conto di soffrire di un eiaculazione precoce. Non capisce, non sa con chi parlarne, e quando finalmente si decide; il medico che lo prende in cura gli diagnostica una prostatite. Quando termina la cura per la prostatite, ovviamente, insieme alla prostatite non guarisce la sua eiaculazione precoce che ha origini ben più lontane e del tutto diverse. L’anamnesi psico-sessuologica di molti pazienti con eiaculazione precoce dimostra come questi pazienti, nella maggior parte dei casi, abbiano già sofferto di episodi di eiaculazione precoce nel loro storico sessuale, anche se in maniera occasionale, in risposta a episodi di stress, depressione o ansia, oppure a seguito dell’assunzione di piccole quote di alcool. Non esistono farmaci che curino,nel senso letterale del termine, la forma piu’ comune e piu’ classica dieiaculazione precoce, cioe’ quellaprimaria, che e’ presente fin dall’inizio dei rapporti sessuali nella vita dell’individuo.

Saltuariamente, potrebbe essere necessaria una combinazione di cure farmacologiche e di terapie comportamentali. Se l’eiaculazione precoce è provocata da problemi psicologici più seri, può essere di aiuto la terapia psicologica. La tecnica dello stop start prevede che l’uomo assuma una posizione comoda, possibilmente sdraiato sulla schiena, in modo da favorire la concentrazione sulle sensazioni piacevoli che prova mentre è stimolato dalla partner. Una volta cessata “l’urgenza eiaculatoria”, l’uomo deve invitare la partner a riprendere nuovamente la stimolazione per poi fermarsi ancora quando si ripresenta un’ eccessiva intensità di piacere; questa terapia sessuale deve essere ripetuta per quattro, cinque volte di seguito. Dopo aver raggiunto un buon controllo con la stimolazione manuale, si passa a fare lo stesso esercizio con l’utilizzo di creme o altro per ottenere una lubrificazione che simuli l’ambiente vaginale.