Uncategorized

Salute Dell’uomo

Sebbene i dati sullo spreco alimentare e su quello metabolico siano stati ottenuti con due metodologie diverse e si riferiscano a due valutazioni molto diverse tra loro, ci forniscono un’idea dell’enorme quantità di cibo che viene sprecata o consumata in eccesso nel nostro Paese, con ingenti danni ambientali ed economici. Gli sforzi futuri dovrebbero essere incentrati su una comunicazione ad ampio respiro, basata su solide prove sperimentali derivanti da studi sull’uomo, che si prefigga l’obiettivo di educare la popolazione a un consumo alimentare funzionale, salutare e a basso impatto ambientale. Secondo la European Public Health Alliance l’inquinamento atmosferico si sta rivelando un fattore di incremento di rischio sugli effetti del corona-virus. «I pazienti con patologie polmonari e cardiache croniche causate o peggiorate dall’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico sono meno in grado di combattere le infezioni polmonari e hanno maggiori probabilità di morire. Riducendo i livelli di inquinamento atmosferico possiamo aiutare i più vulnerabili nella loro lotta contro questa e tutte le possibili pandemie future», spiega la dott.ssa Sara De Matteis, professoressa associata di Medicina del lavoro e ambientale presso l’Università di Cagliari.

  • Queste ricerche hanno quindi la necessità di riesaminare popolazioni studiate in passato da grandi studi epidemiologici.
  • Allo stesso modo FATRO non mette in commercio medicinali veterinari che possano essere utilizzati in campo umano con scopi illeciti e pericolosi come ad esempio anabolizzanti o stupefacenti.
  • La nutrizione personalizzata identifica quindi un approccio dietetico che risulta cucito su misura sull’individuo e non sull’intera popolazione e che sviluppa una serie di indicazioni, raccomandazioni, prodotti e servizi specifici.
  • Gli inquinanti presenti nell’aria provocano e intensificano problemi cardiovascolari, respiratori e metabolici nell’organismo umano.
  • Questa concezione contestuale della mente che tenta di dissolvere il dualismo individuo-ambiente è sottesa anche ad ampi settori della psicologia sociale e dello sviluppo, inquadrabili tutti all’interno del costruzionismo sociale .

Si tratta di studiare le interazioni tra ambiente e salute, quale sia il ruolo dell’intervento dell’uomo sull’ambiente e quali siano le cause di malattia. Sebbene la consapevolezza degli italiani dello spreco alimentare sia aumentata in questi anni, le statistiche indicano ancora uno spreco pari a 2,2 milioni di tonnellate di cibo l’anno, pari allo 0,6% del PIL. Il razionale di questo indice si basa sul concetto che, se si è in una condizione di sovrappeso o obesità, nella maggior parte dei casi si è adottato un regime alimentare ricco di cibi “stressogeni” ad alto contenuto energetico, con un carico calorico e nutrizionale enormemente più elevato rispetto a quello raccomandato. Tale eccesso di calorie rappresenta un danno non solo per la salute dell’individuo, ma anche un considerevole costo ambientale. Al tempo stesso, gli alimenti funzionali non devono incoraggiare consumi eccessivi di quel determinato cibo, non devono far nascere timori nei consumatori, devono essere facilmente comprensibili per il consumatore medio e devono evitare messaggi che attribuiscano proprietà curative o terapeutiche all’alimento. Questo ultimo aspetto è particolarmente importante, visto che i maggiori acquirenti di alimenti funzionali sono individui affetti da malattie molto comuni, come diabete, malattie cardiovascolari e obesità, che vedono questi cibi come una alternativa pratica, più naturale e meno dannosa, in termini di effetti collaterali, rispetto ai farmaci.

Però anche questo approccio è limitato e non include altre problematiche non direttamente correlate, come clima e perdita di biodiversità. Riguarda circa il 40% degli ultra cinquantenni e la metà degli over 70, ma colpisce con una certa frequenza anche gli uomini di età inferiore, soprattutto se esposti a fattori di rischio cardiovascolari. È la disfunzione erettile, spauracchio maschile che, nel 75% dei casi, porta all’impossibilità di avere un’erezione e che è spesso il campanello d’allarme dal punto di vista delle malattie aterosclerotiche.

L’Istituto Superiore di Sanità è in prima linea per identificare e promuovere adeguate strategie per prevenire il rischio d’insorgenza di malattie dovute a fattori ambientali e per trasferire le evidenze scientifiche nei programmi e nelle politiche di sanità pubblica. Le attività condotte in questo ambito riguardano la qualità dell’acqua, del suolo, dell’aria e degli ambienti indoor, la gestione dei rifiuti, gli effetti di inquinanti emergenti e dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi, l’esposizione umana ad agenti ambientali e i loro meccanismi di tossicità, gli effetti sulla salute dell’esposizione a fattori di rischio ambientali. Le attività di ricerca convergono verso un approccio valutativo integrato che comprende l’ambiente fisico, sociale, economico, ecologico e culturale del contesto territoriale al fine di promuovere la salute umana e la sostenibilità ambientale secondo gli obiettivi integrati dell’Agenda 2030.

Ambiente E Salute

I fattori antropici, quindi, costituiscono una percentuale relativamente bassa delle sostanze che inquinano l’aria. Tuttavia, spesso hanno effetti negativi più significativi sulla salute e contribuiscono fortemente al riscaldamento globale. Quando però andiamo a valutare l’impatto ambientale dei singoli gruppi di alimenti, la produzione di CO2 dovuta al consumo di carne e pesce degli onnivori (1,44 kg CO2eq/giorno) è comparabile all’impatto degli alimenti di origine vegetale nei vegani (1,42 kg CO2eq/giorno) e superiore a quello del latto-ovo-vegetariani (1,0 kg CO2eq/giorno). È altresì vero che se aggiungiamo il contributo degli alimenti di origine animale (latte, uova ecc.) pari a 0,9 kg CO2eq/giorno negli onnivori, 0,63 kg CO2eq/giorno per i latto-ovo-vegetariani rispetto allo zero dei vegani spieghiamo il maggior impatto ambientale della dieta onnivora. L’impatto ambientale degli alimenti cambia significativamente rispetto ai dati della “piramide ecologica”, se valutato sulla base dei consumi raccomandati, come evidenziato dalla “clessidra ambientale” ottenuta moltiplicando l’impatto ambientale degli alimenti per le quantità settimanali suggerite dalle linee guida nazionali italiane per una dieta sana ed equilibrata.

la salute dell'uomo

L’approccio da utilizzare in questi studi dovrebbe essere sia di tipo osservazionale che interventistico (dove i ricercatori manipolano la dieta per determinare l’effetto di un alimento o nutriente). Una corretta nutrizione rappresenta un fattore centrale per il benessere della società, soprattutto quella occidentale, caratterizzata da un crescente aumento dell’obesità e delle patologie degenerative correlate. Ogni volta che noi consumiamo un pasto ad alto contenuto energetico, o sbilanciato dal punto di vista nutrizionale, causiamo nel nostro organismo uno stress post prandiale, inducendo meccanismi di protezione endogena che coinvolgono il sistema immunitario. Questa condizione, se continuata nel tempo, può causare condizioni di obesità e sovrappeso associate a un aumento di diversi fattori di rischio metabolici (trigliceridi, infiammazione, insulino-resistenza, ecc.). Il consumo in eccesso di questi cibi “stressogeni” rappresenta un danno non solo per la salute dell’individuo, ma anche un costo enorme per il Pianeta, date le emissioni di gas climalteranti prodotte lungo la filiera alimentare.

< h3 id="toc-1">Elenco Pagine Per Tag: Salute Dell’uomo

Le fonti antropiche includono trasporti, industrie, agricoltura e allevamento, produzione di energia, smaltimento dei rifiuti, riscaldamento e cottura dei cibi, estrazione mineraria e petrolifera. Le mascherine risultano alleate importanti non solo contro l’infezione da SARS-CoV-2, ma anche contro gli inquinanti ambientali di maggiori dimensioni. Mentre le mascherine di stoffa, quelle chirurgiche e quelle dotate di valvola di espirazione non sono molto utili in tal senso, le mascherine filtranti limitano fino al 98% l’inalazione del PM2.5 se indossate correttamente . In particolare, le FFP3 sono le più efficaci, mentre le FFP2 filtrano il 92% delle particelle e le FFP1 il 78%.

“Adesso è tutto frammentato a causa dei diversi approcci dei vari Governi – spiega – e c’è il rischio che certe politiche siano in contraddizione, mentre servono un approccio più ampio e politiche globali coerenti”. “La salute delle persone e del pianeta – conferma Andrea Pezzana, consulente scientifico di Slow Food – è uno dei pilastri del buono pulito e giusto. Condividiamo tutti un futuro che possiamo influenzare positivamente o negativamente con i nostri stili di vita e il ruolo della biodiversità sta diventando sempre più cruciale anche a fronte della pandemia. Anche UGI si sta muovendo in tal senso stimolando la raccolta differenziata, l’uso limitato di plastiche di ogni tipo, la corretta manutenzione della Casa di accoglienza, l’educazione ambientale alle famiglie ospiti, attivando l’impianto fotovoltaico, le luci a Led, e promuovendo laboratori didattici dedicati ai bambini e ai ragazzi. Tra questi ultimi UGI partecipa ad un interessante progetto dal titolo “Guardar per terra, guardar per aria”, si tratta della sperimentazione di un ciclo di attività di animazione didattica e di laboratori veri e propri, sui temi del cosmo e dell’educazione ambientale.

Fonti Di Inquinamento Naturali

Gli alimenti di origine animale, come carne e derivati, hanno un impatto ambientale più elevato per il fatto che le risorse utilizzate – come acqua, e metri quadrati di terreno occupati dagli allevamenti – sono notevoli, in associazione con un’enorme produzione di CO2, e si posizionano alla base della piramide. A parità di calorie consumate, la produzione di carne bovina ha un costo ambientale enormemente superiore a quello degli altri tipi di carne , delle uova e dei prodotti lattiero caseari. Basti pensare che per produrre 225 g di patate, pomodori, pollo e bovini si producono emissioni di CO2 equivalenti a quelle prodotte guidando un’auto per 300 m, 320 m, 1,7 Km e 15,8 Km. Non vi è ormai più alcun dubbio sul fatto che un’alimentazione varia ed equilibrata sia alla base di una vita in salute. Un’alimentazione scorretta, intesa soprattutto come un inadeguato consumo di alimenti e apporto di energia e nutrienti, rappresenta infatti uno dei principali fattori di rischio per l’insorgenza di numerose malattie croniche. Una corretta alimentazione passa quindi per un adeguato apporto di energia, macro e micronutrienti e altri elementi (primo fra tutti l’acqua).

Ma questo è solo uno dei tanti impatti del degrado ambientale sulla nostra salute, con una correlazione maggiore nei paesi meno sviluppati. Quando si distruggono gli habitat naturali e le specie animali, o non si agisce a sufficienza contro le emissioni, l’inquinamento atmosferico e delle acqua, in realtà si sta danneggiando l’uomo, la sua salute, vanificando gli sforzi per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Come afferma l’OMS, questa prospettiva significa lavorare in multidisciplinarietà, costruendo una cultura per la salute che coinvolga conoscenze diverse. Integrare le conoscenze vuol dire mettere insieme medicina umana, medicina veterinaria, agraria, entomologia, scienze ambientali. Può sembrare un’ambizione eccessiva, non facile comunque per il nostro tipo di formazione e la nostra cultura individualista, ma oggi è davvero ineludibile che chi decide della futura politica sanitaria lo faccia attraverso una visione integrata tra la sanità animale, umana e ambientale.

la salute dell'uomo

Rimanendo tra la fine degli anni ‘80, primi anni ‘90, FATRO, sempre pensando albenessere animale, argomento all’epoca oscuro ai più, introdusse con Dalmazin®, l’uso degli isomeri attivi che consentono di ottenere il massimo effetto terapeutico eliminando quasi del tutto gli effetti collaterali ed evitando inutili sofferenze all’animale trattato. Nello stesso periodo fu introdotto Simpanorm®, il primo prodotto in grado di normalizzare il sistema simpaticopreservando l’animale dagli effetti negativi dello stress. Per questa ragione abbiamo esteso il concetto di salute al benessere dell’animale e dell’uomo, che ci ha condotto in modo naturale ed automatico, a pensare all’ambiente come ad essi strettamente collegati. La nostra filosofia aziendale ed i valori da sempre presenti in FATRO ci hanno indotto a non produrre né vendere farmaci eutanasici. Allo stesso modo FATRO non mette in commercio medicinali veterinari che possano essere utilizzati in campo umano con scopi illeciti e pericolosi come ad esempio anabolizzanti o stupefacenti.

In particolare, la comprensione dei meccanismi d’azione dei contaminanti ambientali vuol dire capire come i singoli composti interagiscono con le molecole e i processi biochimici che avvengono all’interno delle nostre cellule. Il fattore di rischio principale è quello collegato al degrado ambientale e alla perdita di biodiversità in aree tropicali a cui si aggiunge l’interazione non corretta con gli animali, il traffico illegale di specie protette che portano patogeni e la deforestazione per aumentare copertura agropastorale. Quando parliamo di salute ambientale ci riferiamo ad un ambiente in cui i vari ecosistemi sono in equilibrio. Perché l’ambiente sia sano sono necessarie biodiversità, acqua di qualità, aria pulita e vegetazione. Gli alberi svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere l’equilibrio climatico e rappresentano il polmone verde del nostro pianeta. I danni causati dall’inquinamento e dalla perdita di biodiversità sulla salute umana, sono anch’essi scientificamente provati.

Cosè Linquinamento Atmosferico?

L’acqua si trova alla base della piramide alimentare ma spesso non è considerata come un alimento e per questo spesso dimenticata. In realtà l’uomo è fatto principalmente di acqua e le perdite durante la giornata tramite sudorazione, eliminazione, traspirazione sono numerose e comportano anche la perdita di preziosi sali minerali , pertanto reintegrare con i giusti apporti è fondamentale. Almeno 1,5 – 2 litri al giorno sono i quantitativi minimi da assumere, da aumentare se la temperatura esterna è alta o in presenza di attività fisica intensa. Si introduce acqua anche mangiando alimenti di per sé ricchi di acqua, come frutta e verdura, ricchi di sali minerali.

Ad esempio, l’introduzione negli anni ‘30-’40 dei primi chemio-antibiotici ha consentito di ridurre drasticamente la mortalità di numerose malattie batteriche, tra le quali, in particolare, la polmonite e la sepsi. Sono tuttavia necessari ulteriori approfondimenti per una sicura conferma della correlazione diretta tra le patologie citate e l’esposizione a queste sostanze. Infatti PFOA, PFOS e altri composti simili hanno mostrato di poter interferire con la comunicazione intercellulare, fondamentale per la crescita della cellula, aumentando così la probabilità di crescite cellulari anomale con conseguente formazione di tumori, specie in caso di esposizione cronica. “Alimenti, salute ed evoluzione dell’uomo” è il tema del nuovo incontro del ciclo di “Come alla corte di Federico II ovvero Parlando e riparlando di scienza”.